Home Cronaca

Silvio Pellico: le precisazioni del Comune

07 agosto 2012 – Il Comune di Arese ha emesso qualche minuto fa un nuovo comunicato sulla scuola media Silvio Pellico, nel quale viene fatta qualche precisazione su quanto accaduto e si forniscono gli ultimi aggiornamenti sulla situazione. “In merito alla situazione della scuola S. Pellico – inizia il comunicato – agli articoli e ai commenti apparsi a riguardo, si rendono necessarie alcune precisazioni. Nella giornata di ieri (lunedì 6 agosto), il vice-sindaco, sig.a Maria Turconi, ha incontrato alcuni rappresentanti politici e istituzionali e alcuni genitori per un confronto sulle possibili alternative al trasferimento degli alunni nella scuola di Pero, in seguito alla chiusura per lavori della scuola secondaria di primo grado S. Pellico di via Col di Lana. La sig.a Turconi, accompagnata dalla Responsabile dei Lavori pubblici, ha illustrato il percorso condiviso portato avanti con le Presidi, in cui sono state analizzate le problematiche tecniche relative alle possibili sedi individuate per accogliere gli alunni: oratori, biblioteca, sede Misericordia, Sga (Spazio Giovani Autogestito), centro direzionale Alfa Romeo, container, eccetera”.

Nell’incontro di ieri, sottolinea il comunicato, non si sarebbero analizzate tutte le possibili soluzioni prese in considerazione dal Comune e dalle direzioni didattiche: “Tutte queste alternative non sono emerse nell’incontro di ieri, ma erano già state valutate negli incontri tra Amministrazione e Direzioni didattiche, ma non erano state ritenute idonee per vari motivi. Sga o sede Misericordia non sono idonee ad accogliere gli studenti, per esempio. Inoltre, le Direzioni didattiche chiedevano che le 18 classi fossero divise in due sedi e non di più (quindi 9 classi in una sede e 9 in altra sede) e non esistono sul territorio aresino spazi capaci di accogliere rispettivamente 9 classi ciascuno”. Nel corso di queste riunioni sarebbe stata valutata, tra le altre, la soluzione, proposta anche in una lettera da un nostro lettore (leggi qui), di prevedere il doppio turno negli altri plessi scolastici aresini, soluzione scartata per le difficoltà logistiche che avrebbe comportato per le famiglie: “In questi incontri, sono state valutate le possibili soluzioni, tra cui quella del doppio turno sulla scuola di Valera, possibilità scartata perché sono state avanzate diverse perplessità sia dal punto di vista tecnico che organizzativo per le famiglie. E’ stata valutata anche la possibilità di posizionare delle strutture prefabbricate, ma i costi e i tempi di realizzazione non sono risultati comunque adeguati”.

L’unica soluzione praticabile rimaneva, quindi, quella della scuola Marconi di Pero: “Visto l’elevato numero di alunni, l’unica via percorribile e condivisa (è importante sottolineare che si è trattato di una scelta di comune accordo tra Amministrazione e Direzioni didattiche) è stata quindi il trasferimento nella sede di Pero. La scuola, per cui molti genitori lamentano un cattivo stato di manutenzione, risulta agibile e sul sito del Comune sono state pubblicate alcune foto (clicca qui)”. Pero rimane quindi la soluzione prescelta da amministrazione e direzioni didattiche, anche se non viene esclusa la valutazione di possibilità alternative: “Al momento resta confermata la scelta del trasferimento nella scuola di Pero. Ciò nonostante, l’Amministrazione sta procedendo con la valutazione di altre possibili soluzioni adeguate a garantire l’avvio dell’anno scolastico nel rispetto dei criteri necessari sia dal punto di vista tecnico che organizzativo”. L’amministrazione comunale ha infine assicurato che ulteriori futuri aggiornamenti sulla Silvio Pellico verrano pubblicati sul sito del Comune e trasmessi ai giornali locali.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.