Home Cronaca

Strade e marciapiedi bui. Ecco perché

12 dicembre 2014 – Da alcune settimane l’illuminazione della sede stradale e dei marciapiedi in alcune zone di Arese risulta molto fioca. E a qualcuno sarà magari venuto il legittimo sospetto che il Comune volesse risparmiare sulla bolletta e avesse diminuito il numero di lampioni accesi. In realtà non è così e il disservizio è piuttosto legato a una questione che contrappone il Comune a Enel Sole, sui pali della luce gestiti da quest’ultima, e all’obsolescenza di numerosi lampioni. Come in più occasioni annunciato, l’amministrazione intende, infatti, riscattare quella parte di impianti, circa mille lampioni, che sono ancora di proprietà di Enel Sole, per darne la manutenzione in affidamento a terzi. Ed Enel Sole, secondo quanto ci ha riferito il vicesindaco Enrico Ioli, una volta appresa la notizia non sarebbe più stata così puntuale nella manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica.

“Da ottobre – spiega Ioli – si sono registrati una serie di disservizi, che tutti hanno visto, sui lampioni gestiti da Enel Sole. Abbiamo quindi convocato il responsabile di zona della società, al quale abbiamo consegnato una corposa documentazione relativa alle segnalazioni e ai disservizi rilevati. Documentazione che era già comunque stata puntualmente inoltrata dalla Polizia Locale e dal settore Lavori Pubblici, unitamente alle richieste di intervento. Nell’occasione abbiamo anche chiesto una valorizzazione dei lampioni di proprietà di Enel Sole nell’ottica del riscatto”.

Al di la della poco puntuale manutenzione, i problemi di scarsa illuminazione sono però anche dovuti alla naturale obsolescenza degli impianti: “Oltre la metà dei pali – spiega Ioli – è molto vecchia e sfrutta tecnologie vecchie. Come da sistemare sarebbero anche diversi quadri elettrici. Enel Sole ci ha fatto una prima valutazione per il riscatto degli impianti e l’intenzione è ora quella di mettere a gara la loro manutenzione ed efficientazione. Perché l’idea di fondo che abbiamo rimane quella di procedere all’acquisizione di tutta la rete, per poterla poi migliorare anche dal punto di vista tecnologico e del risparmio energetico. Come è già in programma per gli assi stradali inseriti nel piano viabilità e per via per Passirana, strada che è inserita nel progetto Smart City Analysis”.

L’auspicio quindi è che Enel Sole, in attesa del rinnovamento della rete dell’illuminazione pubblica, si presti a una più puntuale manutenzione. Cosa possibile, se non altro perché la società ha manifestato al Comune la sua volontà di partecipare alla gara per l’efficientazione e la manutenzione dei lampioni di Arese…

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese