Home Cronaca

Tensione a Lainate, slitta la ratifica dell’Adp

15 dicembre 2012 – Alta tensione, molte urla, qualche pugno, consiglio comunale sospeso. E’ finita così, ieri sera, l’assemblea di Lainate in cui doveva essere ratificato l’Accordo di Programma (Adp) dell’area ex Alfa Romeo. Una quindicina di ragazzi del centro sociale La Fornace di Rho ha fatto irruzione mentre il sindaco Alberto Landonio aveva da pochi minuti iniziato a presentare il piano di riqualificazione. Nella piccola sala consiliare la tensione è salita alle stelle, sono volate parole grosse e qualcuno si è lasciato andare cercando di accendere la rissa. Le forze dell’ordine – Polizia Locale e Carabinieri – sono fortunatamente riuscite a tenere sotto controllo la situazione. In un primo momento era sembrato che i manifestanti volessero avere la possibilità di parlare davanti al consiglio riunito, ma si è ben presto capito che il loro unico obiettivo era quello di far sospendere i lavori. Hanno infatti annunciato che niente e nessuno li avrebbe fatti uscire dalla sala.

Dopo una mezz’ora abbondante di consultazioni, i capigruppo e il sindaco hanno deciso di sospendere, come da regolamento, il consiglio comunale. Per motivi di sicurezza si è deciso che non fosse il caso di portare fuori a forza i manifestanti: l’aula piccola e le molte persone presenti rappresentavano elementi di rischio troppo rilevanti. L’Adp non ha così potuto essere ratificato.

Secondo quanto si è saputo ieri sera, l’assemblea dovrebbe essere riconvocata entro la prossima settimana, con ogni probabilità a porte chiuse, per portare a termine quanto previsto. La ratifica da parte del Comune di Lainate è l’atto conclusivo delle consultazioni tra società ed enti interessati prima del definitivo via libera regionale. Tra novembre e dicembre si è infatti concluso l’iter iniziato a fine 2010, che ha visto coinvolte Regione Lombardia, Provincia di Milano, comuni di Arese e Lainate e quasi tutte le società proprietarie dell’area. Per maggiori dettagli sui contenuti dell’Adp potete leggere questo articolo.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.