Home Cronaca

Tutte le info sulla linea bus per Rho Fiera

29 ottobre 2014 – Con la pubblicazione sul sito di Air Pullman di percorso, orari e fermate (clicca qui) sono ora disponibili tutte le informazioni sulla linea 561, quella che dal prossimo lunedì 3 novembre collegherà Arese con il polo metro-ferroviario di Rho Fiera. Cosa importante da segnalare è che la tabella pubblicata da Air Pullman è, per quanto riguarda la collocazione delle fermate, sintetica, vale a dire non riporta tutte le soste che i mezzi osserveranno in Arese (scelta invero molto curiosa da parte del gestore). Le fermate che la linea 561 osserverà nella nostra città non sono quindi solo le tre indicate da Air Pullman, ma toccheranno ben 11 vie di Arese, e più precisamente e nell’ordine il capolinea di via Vismara, viale Einaudi, viale Resegone, viale Sempione, via Aldo Moro, via Allende, via Don Minzoni, viale Sempione, via Gran Paradiso, via Leopardi e via Statuto. Con capolinea Rho Fiera, presso il piazzale della stazione Mm1 (vedi percorso e fermate nell’immagine in coda all’articolo).

Numerosissime le corse effettuate quotidianamente che, dal lunedì al venerdì saranno in totale 36 da Arese a Rho Fiera e altrettante sul percorso inverso. Analizzando gli orari dei mezzi in partenza da Arese (la situazione è comunque simile anche nella tratta di ritorno) si nota come dalle 6,30 alle 8,30, la fascia di maggiore interesse per i pendolari, sia prevista una corsa ogni 15 minuti. La frequenza rimane rilevante anche dopo le 8,30, perché dalle 9,00 fino alle 20,00 partirà comunque un pullman ogni 30 minuti. Le ultime quattro corse di giornata sono, infine, previste alle 21,00, 22,10, 23,20 e 0,25. Secondo quanto indicato dagli orari pubblicati da Air Pullman il tempo di percorrenza stimato per la tratta è di 28 minuti. La frequenza dei mezzi rimane buona anche al sabato, giornata nella quale sono previste 32 corse verso e da Rho Fiera. La prima corsa partirà sempre alle 6,30 e i mezzi successivi passeranno ogni 30 minuti sino alle 20,00. Le ultime quattro corse di giornata avranno gli stessi orari previsti per i giorni feriali. Limitati, invece, i collegamenti nei giorni festivi, per i quali sono previste solo quattro corse, che da Arese partiranno alle 13,00, 14,30, 16,00 e 17,30.

Come spiega però l’assessore Roberta Tellini percorso e orari saranno oggetto di ottimizzazione in funzione delle risultanze statistiche dei rilevamenti effettuati sulla linea: “Abbiamo concordato – spiega Tellini – che Atm effettuerà tre mesi di monitoraggio sull’utilizzo della linea 561 e ci fornirà settimanalmente i dati acquisiti. A fine gennaio saremo quindi in grado di trarre un bilancio definitivo su percorso e orari, in base al quale si potrebbero anche eventualmente rimodulare le corse per adattarle alle reali esigenze degli utenti. L’intero processo di ottimizzazione si concluderà in tempo utile per l’apertura di Expo, data per la quale la linea assumerà dimensione definitiva”.

La linea 561 sarà anche oggetto di una prossima delibera di giunta, perché quella presentata è sostanzialmente differente rispetto a quanto compariva nel Protocollo di intesa inizialmente firmato: “Originariamente – conferma l’assessore – per la linea 561 era prevista una percorrenza minima annua di 84 mila chilometri, che però si sviluppavano su un percorso poco funzionale ad Arese, agli aresini e alle condizioni di traffico. Basti pensare che era previsto che il pullman avrebbe dovuto raggiungere Lainate, dove sarebbe entrato in autostrada per poi uscire a Rho. Una follia, sia dal punto di vista dei chilometri percorsi che da quello dei tempi di percorrenza. Le modifiche apportate al percorso ci hanno, invece, permesso di disegnare un tracciato più funzionale agli aresini, contenendo tra l’altro la percorrenza annua in 22 mila chilometri”.

Che non è un mero dato numerico, visto che i chilometri percorsi, anche per i mezzi pubblici, si traducono in soldi: “Il denaro risparmiato eliminando i tratti esterni ad Arese – conferma Tellini – lo potremmo utilizzare per aumentare le fermate in Arese o per attuare eventuali modifiche al percorso in funzione di quelle che saranno le risultanze dell’indagine che si concluderà a gennaio”. Ma non solo per questo, visto che rimane anche aperta la richiesta avanzata dall’amministrazione aresina ad Atm di avere la tariffa integrata con Milano. “Ci stiamo lavorando – spiega Tellini – e abbiamo avanzato due richieste ad Atm: la prima è quella della tariffa integrata e la seconda, in subordine, nel caso i tempi per la sua definizione si allungassero, è quella che Atm preveda per tutta la durata di Expo un costo del biglietto per la tratta della 561 minimo. Abbiamo comunque anche un piano di emergenza per aiutare i pendolari aresini, che abbiamo potuto ipotizzare proprio grazie alla rimodulazione del percorso e al conseguente risparmio di chilometri e denaro. Se non arrivassimo a un accordo soddisfacente con Atm, la nostra idea è quella di intervenire direttamente come amministrazione sul costo degli abbonamenti per la linea 561: l’ipotesi è quella che, solo per gli aresini e solo per gli abbonamenti, sia il Comune a versare una parte del costo ad Atm, riducendo così il prezzo dell’abbonamento per gli abitanti della nostra città che usano regolarmente i mezzi pubblici per raggiungere il luogo di lavoro o di studio”.

Oltre all’introduzione della linea 561, Air Pullman ha anche comunicato i nuovi orari e percorsi della linea 560, quella che collega Arese a Milano Qt8. La novità più rilevante è che questa linea, a causa della chiusura dello svincolo di Arese sulla A8, perderà la tratta autostradale. Anche per la linea 560 saranno comunque possibili future rimodulazioni, in quanto è anch’essa compresa nelle rilevazioni statistiche che Atm condurrà nei prossimi tre mesi. “E’ così – conferma Tellini – e quello che dal nostro punto di vista è importante valutare è se l’introduzione della 561 non potrebbe rendere in alcuni orari sovradimensionata la linea 560. Molte delle fermate delle due tratte, infatti, coincidono ed è comunque ipotizzabile che chi si sposta a Milano per lavoro o per studio preferisca utilizzare la 561, perché più funzionale e più veloce. Al di la del pendolarismo la linea 560 rimane comunque una tratta fondamentale, in quanto è quella che offre il collegamento con l’Ospedale Sacco. Nelle fasce orarie utilizzate per usufruire della struttura posso quindi già anticipare che non ci saranno depotenziamenti”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese