Home Cronaca

Un amico a quattrozampe? Vita da cani, ma non solo!

24 marzo 2017 – Ogni anno nel nostro Paese vengono abbandonati, soprattutto durante il periodo estivo, 50 mila cani e 80 mila gatti. La loro morte sarebbe certa se non ci fosse il contributo delle associazioni onlus che svolgono attività di ricerca e di cura, e che si occupano di facilitare la collocazione degli animali presso una nuova famiglia, che sia capace di dare e ricevere affetto. Questi animali hanno sofferto e le persone possono fare la differenza, adottandone uno o effettuando una donazione.

Per dare il proprio contributo non serve percorrere chilometri, il canile di Arese e il gattile di Garbagnate Milanese sono vicini e pronti ad accogliere chiunque, anche come volontario se si ha voglia di donare parte del proprio tempo ai nostri amici animali.

Adottare un cane ad Arese è semplice, vista la presenza nella nostra città dell’associazione Onlus “Vitadacani”, che nasce nel 1992 e che con il canile di via Mattei fin dal 2006 si adopera per portare soccorso e per offrire aiuto a questi fedeli amici a quattro zampe. Il canile, ben organizzato e nel rispetto delle norme igieniche, è dotato di una clinica veterinaria privata che, oltre a garantire il benessere per gli animali della Onlus, è aperta a tutti. I cani sono ovviamente tutti vaccinati, sverminati, dotati di chip, e gli esemplari femminili sono tutti sterilizzati, come prevede la normativa nazionale. Come per tutti gli altri “pet” (animali domestici) è importante che ciò avvenga, per controllare il fenomeno del randagismo e, nel caso di esemplari maschili dal carattere irruente e dalle dimensioni importanti, per controllarne l’aggressività.

Se non si ha la possibilità di dedicarsi a tempo pieno a un nuovo amico, si può sempre decidere di partecipare come volontario, con un’adozione a distanza o prendendo parte ad uno degli eventi organizzati. Il canile è aperto ad accettare nuovi volontari, anche minorenni con autorizzazione del genitore, che saranno preparati con un corso di formazione. Inoltre ricordiamo che esistono numerosi eventi benefit a cui si può partecipare per sostenere la struttura e il cui calendario può essere trovato sul sito dell’associazione (clicca qui).

È importante sottolineare l’impegno assunto da “Vitadacani” nel seguire non solo il fenomeno di randagismo, ma anche i cani responsabili di aggressioni, che si esplica con il progetto Cerbero, portato avanti con l’ausilio della struttura di Magnago, e quelli salvati dai laboratori.

Se invece si volesse adottare un gatto sarà necessario spostarsi a Garbagnate, dove, in via Toti, ha sede la onlus “Amico Animale”. Qui troverai ad aiutarti nella scelta e nell’adozione del tuo nuovo amico più di 20 volontari. La signora Pinuccia Perego, da noi intervistata, ci tiene a sottolineare l’importanza del processo di adozione: un colloquio preliminare aiuterà a capire se si è adatti alla convivenza con un nuovo amico e qual è quello adatto.

Un gatto deve essere un membro della famiglia, non un cacciatore di topi. Per questo motivo è importante che riceva affetto, una corretta alimentazione e delle adeguate cure veterinarie: tutte attenzioni che da Amico Animale sono soddisfatte. I gatti infatti vengono vaccinati, sverminati e sterilizzati. Quest’ultimo punto non è da sottovalutare, in quanto la sterilizzazione offre ai nostri fedeli amici numerosi vantaggi: riduce sensibilmente il fenomeno del randagismo e la possibilità di incidenti automobilistici, dà maggiori possibilità di adozione, poiché un animale sterilizzato viene accolto più facilmente, riduce notevolmente l’incidenza di tumori mammari e all’apparato riproduttivo, che invece aumenta dopo la somministrazione di ormoni somministrati per sopprimere i problemi legati ai periodi del calore, riduce anche l’insorgere di malattie mortali come la Fiv (Aids felina, contagiosa solo per altri felini)  e la Felv (leucemia felina).

Per maggiori informazioni sugli eventi organizzati dal gattile per aiutare i nostri amici a quattro zampe e per scoprire come effettuare donazioni, è possibile consultare il sito della onlus (clicca qui).

Servizio di Aurora Picone, Chiara Borroni, Elios De Marco, Luca Morales e Lorenzo Frasca

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese