Home Cronaca

Un workshop per i giovani in ambito editoria digitale

06 giugno 2016 – Da lunedì 20 a venerdì 24 giugno lo Spazio Giovani YoungDoIt ospiterà il workshop formativo gratuito “Aaa… creativi (e non solo)!″, studiato per aiutare i giovani ad affrontare le sfide del mondo del lavoro con il proprio talento e il lavoro di gruppo. L’appuntamento aresino fa parte dei workshop formativi gratuiti del progetto “I Distr-atti”, destinati ai giovani tra i 18 e i 30 anni, centrati sulle nuove professioni e sulle opportunità legate in particolare al mondo digitale. Dopo le esperienze già fatte a Settimo Milanese e a Cornaredo sarà lo Spazio Giovani ad ospitare (con orari 9.30-13.00 e 14.00-17.30) un nuovo percorso teso all’acquisizione di competenze di tipo collaborativo e di progettazioni complesse per l’avvio di start up imprenditoriali.

I ragazzi, attraverso la guida di esperti, si cimenteranno nell’ideazione di un progetto preliminare per lo sviluppo di un portale multi-piattaforma (fruibile su tablet, computer e smartphone) informativo sulla Città di Arese, che integri l’informazione scritta, parlata e video. Questa simulazione, tuttavia, non rappresenterà il primo obiettivo del workshop, ma il mezzo per sviluppare dinamiche collaborative virtuose da spendere nel futuro lavorativo. La proposta è rivolta a neo-laureati e neo-diplomati con competenze di grafica, video, audio, web, programmazione, giornalismo, ma anche a chi ha semplicemente la passione per la comunicazione.

Il workshop, che è certificato da Città Metropolitana di Milano, partner del progetto, è organizzato da Barabba’s Clowns Onlus, in collaborazione con l’Associazione PuntoGroove e con eBiz srl (l’editore di QuiArese), all’interno del Piano Territoriale delle Politiche Giovanili del rhodense, denominato “I Distr-Atti”, finanziato dalla Regione Lombardia, con capofila Sercop e di cui il Comune di Arese è partner, insieme alle altre amministrazioni dell’ambito del rhodense e a una rete molto ampia di soggetti del territorio. Le iscrizioni sono gratuite e aperte fino al raggiungimento dei 15 posti disponibili.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese