Home Cronaca

Una domenica dedicata al Progetto alberi Uniter

14 settembre 2016 – Domenica 18 settembre, alle 16.00, in via Roma 2, si terrà un evento molto particolare, riguardante il progetto alberi avviato lo scorso maggio dall’Uniter (leggi qui). Nell’occasione sarà posata la prima targa esplicativa sul secolare Cedro del Libano posizionato davanti all’entrata del palazzo comunale. Sarà la prima di alcune centinaia di targhe analoghe, che saranno opportunamente dislocate, nelle vie e nei parchi pubblici di Arese. Alla cerimonia è prevista la partecipazione del sindaco Michela Palestra, del vicesindaco Enrico Ioli, del presidente del Lions Club Bollate Le Groane Giampietro Milani e del presidente dell’Uniter, Alessandro Bossi. Questi ultimi sono esperti botanici che, attraverso le conoscenze personali, condurranno gli aresini al secondo momento della giornata, ovvero alla scoperta delle principali specie diffuse nel Parco della Roggia e in viale dei Platani. Il ritrovo è previsto alle 16.45 al piazzale della Chiesa Maria Aiuto dei Cristiani.

Il Progetto Alberi, nato come l’idea di un concorso chiamato “Conoscere e riconoscere gli alberi“, e successivamente, diventato un vero e proprio censimento di tutti gli alberi presenti sul suolo pubblico, è un’iniziativa  di considerevole impegno, che ha coinvolto decine di persone, con differenti competenze. Nel progetto sono stati coinvolti a vario titolo l’amministrazione comunale, il Lions Club Bollate e l’Ute di Bollate/Novate/Garbagnate. In particolare, il Lions Club Bollate ha messo a disposizione i fondi necessari per l’apposizione delle targhe esplicative sugli alberi.

Il sindaco Michela Palestra e il vicesindaco Enrico Ioli hanno infine ricordato che quest’iniziativa ha una grande importanza e valore, non solamente per il risultato di approfondire e rendere disponibile a tutti la conoscenza del ricco patrimonio arboreo di Arese, ma anche perché consente a molti cittadini di vivere un’esperienza diretta, passeggiando nei nostri parchi e godendo di una bellezza spesso data per scontata, sentendola propria.

All’intero progetto e ai suoi risultati è stato dedicato un sito Internet (clicca qui) dal quale oltre alle informazioni di carattere generale sarà possibile accedere al database del censimento degli alberi. Database che permetterà, ad esempio, di sapere quali specie arboree sono presenti in una determinata via o, inserendo il nome di una pianta, conoscere le zone dove questa è presente.

Servizio di Federica Lamarmora

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese