Home Cronaca

Una nuova biglietteria ATM in via dei Caduti

25 marzo 2017 – Da pochi giorni è stato attivato in centro città un nuovo punto autorizzato alla vendita dei biglietti ATM. Al QuiArese TechCafé di via dei Caduti 6 si possono quindi acquistare i tagliandi per raggiungere in autobus la stazione di Rho-Fiera e Milano QT8. Oltre a queste destinazioni sono in vendita anche i biglietti di “ambito comunale”, che permettono di utilizzare le linee 560 e 561 all’interno dei confini di Arese. Con la 561 è possibile anche arrivare a Il Centro. Per chi desidera raggiungere il capoluogo via bus (linea 560 per QT8) o tramite metropolitana (usando la linea 561 per Rho-Fiera) per poi continuare a usare i mezzi pubblici milanesi è disponibile anche il biglietto cumulativo. In vendita anche i ticket per usare la MM da Rho-Fiera fino a Milano città e quelli urbani per bus, tram e metropolitana.

I biglietti di ambito comunale costano 1,30 euro, quelli per Rho-Fiera 1,60 euro e quelli per Milano QT8 2,50 euro. Il tagliando cumulativo che comprende il tragitto verso Milano e i mezzi urbani (metro, bus e tram) costa invece 3,10 euro. I prezzi dei ticket per la metropolitana da e verso Rho-Fiera e per l’uso dei mezzi pubblici a Milano città costano rispettivamente 2,50 e 1,50 euro. Al momento non sono ancora disponibili gli abbonamenti, che potrebbero essere aggiunti in un secondo momento se le richieste fossero in numero sufficiente. A questo proposito, se interessati, potete segnalare il vostro interesse mandando una mail all’indirizzo [email protected] o utilizzando la pagina Facebook del QuiArese TechCafé. I biglietti ATM non possono essere utilizzati per le linee “z”, gestite anche come biglietteria da Air Pullman.

Il QuiArese TechCafé è aperto dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 23.00 con orario continuato e la domenica dalle 8.30 alle 23.00. Le fermate più vicine sono quelle di via Leopardi/Statuto (500 mt), viale Monte Resegone/viale Sempione (500 mt) e viale Gran Paradiso (700 mt).

 

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese