Home Cronaca

Variante Varesina, lavori al via il prossimo autunno

25 maggio 2018 – Due anni, è questo il tempo che presumibilmente servirà per vedere completati i lavori per la realizzazione della variante varesina, un’opera che il nostro territorio attende da numerosi anni. E’ stato pubblicato, infatti, la scorsa settimana sulla Gazzetta Ufficiale il Bando di Gara relativo ai lavori della “Viabilità in variante alla S.P. ex S.S. n. 233 Varesina – da Arese a Baranzate”, e le amministrazioni locali, in particolare quella di Arese e Bollate, stimano che i lavori, dopo l’iter di assegnazione, partiranno verosimilmente il prossimo autunno.

L’opera prevede la realizzazione di poco meno tre chilometri di bretella stradale, che permetterà di sgravare dal traffico i centri abitati di Arese, Ospiate e Baranzate, per i quali si stima che, sull’attuale tragitto della Varesina, transitino circa 30 mila veicoli al giorno. La variante Varesina si snoderà alle spalle del polo industriale posto su via Ghisalba di Ospiate, spostando il flusso automobilistico e trasformando così l’attuale tratto della Varesina tra Arese, Bollate e Baranzate in una strada comunale.

“Da tempo – commentano il sindaco di Arese, Michela Palestra, e quello di Bollate, Francesco Vassallo – abbiamo sostenuto ai tavoli di lavoro con Città Metropolitana, l’urgenza di questo intervento; un’infrastruttura  imprescindibile per il nostro territorio, ponendoci con fermezza e determinazione, rendendo evidente la necessità di dare attuazione a questa opera viabilistica, anche a dispetto di coloro che esternavano tutto il proprio scetticismo rispetto alla capacità economica e tecnica di Città Metropolitana di riuscire a far fronte a questo impegno: i fatti ci hanno dato ragione. Siamo persone abituate ad amministrare con concretezza e senso del dovere i nostri territori e a parlare solo nel momento in cui quanto promesso trova la sua realizzazione. Oggi quel momento è arrivato. Grazie ad un lavoro di squadra che ha ci ha visti impegnati in prima persona, con la collaborazione e con il superamento degli egoismi localistici, si possono raggiungere risultati importanti”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese