Home Cronaca

Ztl di Bollate: telecamere accese il 2 maggio

15 aprile 2016 – Ancora un rinvio per la Ztl di Bollate, che sarebbe dovuta partire il prossimo lunedì 18 aprile. L’amministrazione del Comune limitrofo ha infatti ulteriormente spostato la data di avvio dei controlli degli accessi al prossimo lunedì 2 maggio. Fino al 12 giugno l’amministrazione bollatese non applicherà però sanzioni a coloro che dovessero transitare all’interno della Ztl senza le necessarie autorizzazioni, definendo queste cinque settimane come di “sperimentazione tecnica”. Salvo ulteriori rinvii da lunedì 13 giugno le telecamere saranno invece operative dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 9.00, e saranno elevate contravvenzioni ai veicoli non autorizzati al transito all’interno della Ztl.

L’iniziativa unilaterale dell’amministrazione di Bollate riguarda ovviamente anche tutti i Comuni vicini, e creerà non pochi disagi, vista l’ampiezza dell’area inscritta nella zona a traffico limitato e i servizi presenti al suo interno, anche agli aresini. Per fare qualche esempio non sarà più possibile raggiungere in auto, dalle 7 alle 9 di mattina la stazione di Bollate centro o per raggiungere l’ospedale un aresino non potrà più svoltare su via Verdi ma dovrà proseguire in Varesina fino a Baranzate per poi entrare in Bollate dalla Rho-Monza. Le proteste dei sindaci dei Comuni limitrofi non hanno sinora sortito effetto alcuno, malgrado i sindaci di Arese, Novate Milanese, Garbagnate Milanese, Senago, Cesate, Solaro e Baranzate abbiano interessato anche la Direzione Generale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito alle criticità che l’attivazione della Ztl comporterebbe sulla mobilità infra-comunale della zona. Così come non hanno prodotto risultati tangibili nemmeno i gli incontri tra le amministrazioni di questi Comuni da una parte e la giunta di Bollate dall’altra.

Bollate procede quindi diritta per la sua strada, concedendo il minimo sindacale ai Comuni limitrofi che, con i loro cittadini, si trovano a subire una decisione anacronistica che li penalizza nella vita di tutti i giorni. Offrendo la sola disponibilità a valutare possibili deroghe, al momento molto limitate se non quasi nulle, una volta ultimata la fase di sperimentazione. La scelta finale sul mantenimento in via definitiva della Ztl sarà comunque demandata direttamente ai cittadini bollatesi, che nel prossimo mese di ottobre saranno chiamati a votare a un referendum che chiederà loro di esprimersi a favore del mantenimento o dell’abolizione della Zona a Traffico Limitato.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese