Home Dal Comune

Bilancio partecipativo: si parte il 6 maggio

30 aprile 2014 – Il prossimo martedì 6 maggio, alle ore 21,00 in auditorium, inizierà il percorso del primo progetto di bilancio partecipativo del Comune di Arese (leggi qui), con l’amministrazione che presenterà ai cittadini l’iniziativa. “L’amministrazione – commenta l’assessore Eleonora Gonnella, che ha ricevuto dal sindaco Michela Palestra la delega in materia di partecipazione – per la prima volta ha deciso di destinare 250 mila euro del bilancio comunale 2015 a progetti proposti direttamente dai propri cittadini. Un progetto che, lo voglio sottolineare, è stato condiviso e approvato trasversalmente da tutto il consiglio comunale. Crediamo che la chiave del successo dell’iniziativa starà proprio nel coinvolgimento e nell’attivazione delle risorse, energie e competenze diffuse nella società civile e nelle associazioni. Con il bilancio partecipativo infatti si punta anche a rafforzare i legami e i rapporti tra cittadini e tra cittadini e associazioni”.

Gonnella spiega poi come è nato e come si svilupperà il progetto di bilancio partecipativo: “Abbiamo iniziato – spiega l’assessore – con la consultazione interna delle persone che operano nell’Ente, che ringraziamo, dalle quali è emerso lo slogan del progetto Mi lancio nel bilancio e l’idea del disegno riferito al progetto (immagine a lato ndr). Con lo strumento del bilancio partecipativo daremo la possibilità a ogni cittadino che vive, studia o lavora ad Arese, di presentare progetti che rispondano a bisogni collettivi e che possano intercettare i voti dei propri concittadini nella fase finale del progetto, a ottobre, in modo da poter essere inseriti a bilancio e realizzati dall’amministrazione nel 2015, impegnandoci anche fin d’ora a dare conto periodicamente del loro stadio di avanzamento”.

Il Comune ha dedicato al bilancio partecipativo una specifica sezione del suo sito (clicca qui), dalla quale è possibile compilare online o scaricare il modulo per proporre il proprio progetto, verificare le proposte pervenute e i costi sostenuti dal Comune e, infine, prendere visione dei progetti che risulteranno vincitori della selezione.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese