Home Dal Comune

Pensionati al lavoro!

Il Municipio
Il Municipio

Il Municipio01 settembre 2010 – L’Amministrazione Comunale, facendo seguito ha quanto deliberato nel Consiglio Comunale del 25 settembre 2007 (!), ha pubblicato un bando finalizzato all’inserimento dei pensionati in quelle che vengono definite le attività socialmente utili, da svolgere a supporto degli uffici e dei servizi comunali. In pratica le attività che potranno essere svolte dai pensionati aresini sono l’apertura, la custodia e la chiusura degli spazi di proprietà dell’Amministrazione Comunale, la sorveglianza delle scuole per garantire la sicurezza degli studenti all’entrata e all’uscita dalle lezioni, la sorveglianza e l’assistenza nell’ambito delle attività culturali, ricreative e di biblioteca e nell’organizzazione di eventi e cerimonie, l’apertura, la sorveglianza e la chiusura dei cimiteri, l’affissione o la distribuzione degli avvisi comunali, le attività di piccolo trasporto, le attività di comunicazione informativa agli operatori economici e le attività di volantinaggio. Una volta assegnato, l’incarico durerà fino all’esaurimento naturale dello stesso e comunque non oltre i due anni dalla data di conferimento.

Non c’è dubbio che tornare a fare un lavoro socialmente utile possa già di per se essere gratificante ma, oltre a questo, il Comune ha anche previsto un compenso forfettario per le attività prestate pari a 4,5 euro lordi all’ora. Inoltre chi riceverà l’incarico sarà anche coperto da un’assicurazione per rischi e danni anche a terzi che sarà stipulata e pagata direttamente dal Comune.

Come per tutti i bandi pubblici, per potere partecipare i candidati dovranno essere in possesso di una serie di requisiti che nello specifico sono la condizione di pensionato, un’età di almeno 55 anni, la residenza ad Arese, la cittadinanza italiana, il godimento dei diritti politici, il non avere condanne penali o procedimenti penali in corso, l’idoneità fisica, il non svolgere nessuna attività lavorativa e il non percepire nell’anno solare un reddito derivante da questo tipo di attività superiore ai 5.000 euro.

La selezione verrà fatta in funzione di una graduatoria che, con dei meccanismi stabiliti dall’Amministrazione Comunale, prevede l’assegnazione di un punteggio in base al reddito annuo, al possesso di titoli o esperienze specifici per le mansioni previste e a ulteriori criteri definiti in funzione delle specifiche attività o progetti.

Per chi fosse interessato, il bando sarà esposto fino al 13 settembre. Ulteriori informazioni possono essere richieste allo Sportello del Cittadino (tel. 02-93527235 e 93527254).