Home Dal Comune

E’ online il portale lavoro del Comune

04 febbraio 2014 – E’ da ieri attivo lo Sportello Lavoro online, uno strumento che il Comune, appoggiandosi ad Afol, mette a disposizione per incrociare domanda e offerta di lavoro sul nostro territorio. La landing page (vedi foto) alla quale si arriva seguendo il link (clicca qui) presenta tre possibili scelte: Annunci di lavoro, Sei un’azienda e Centro per l’impiego di Rho. Le offerte di lavoro pubblicate, al momento poco meno di 150, sono quelle del portale Afol per l’area nordovest di Milano e una maschera a scelta multipla permette all’utente di effettuare le proprie ricerche selezionando parametri geografici o di tipologia di impiego. Alle aziende, invece, Afol nordovest mette a disposizione un’area dove inserire le ricerche di personale, che compariranno poi sul portale. Il terzo link, infine, rimanda al Centro per l’impiego di Rho.

“Lo Sportello Lavoro online – commenta l’Assessore alle Politiche del Lavoro, Giuseppe Augurusa – è un servizio che si rivolge a chi è in cerca di lavoro: si può prendere visione degli annunci comodamente dal proprio computer e candidarsi per il profilo prescelto. Abbiamo cercato di utilizzare al meglio le nuove tecnologie per aiutare le persone a cercare lavoro in modo più facile e comodo. Per i cittadini che non hanno confidenza o accesso a Internet, invece, ci siamo attivati, (dallo scorso ottobre, con l’apertura dello Sportello Lavoro all’interno del palazzo comunale. Il periodo non è certamente dei più semplici, ma per quanto è nelle nostre possibilità stiamo cercando di rispondere alle necessità occupazionali delle aziende del territorio, nella speranza che escano presto da questo periodo di crisi, che ha avuto pesanti ricadute in quasi tutti i settori produttivi, anche nel nostro territorio”.

Lo Sportello Lavoro del Comune di Arese si trova presso il Municipio di via Roma 2 ed è aperto al pubblico tutti i mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,00. L’ufficio può essere contattato telefonicamente al numero 02-93527215, e per posta elettronica all’indirizzo [email protected]

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese