Home Dal Comune

Il Comune di Arese sostiene i commercianti e stanzia fino a 200 mila euro

16 luglio 2020 – Durante il lockdown la maggior parte delle attività commerciali, a parte supermercati, edicole, negozi di alimentari, farmacie e poco altro, sono rimaste chiuse. E si parla di due mesi o anche più, tenendo conto che la riapertura è stata graduale e in varie fasi. Ne consegue che una buona parte dei commercianti di Arese è in “sofferenza” e ha bisogno di un aiuto concreto. Per questo il Comune ha emesso un nuovo bando a sostegno del cosiddetto “commercio di vicinato”, che prevede uno stanziamento fino a 200 mila euro.

Il bando nasce per sostenere i negozi di vicinato nel pagamento di affitti, mutui e bollette e per compensare i cali di fatturato, quindi si tratta di una misura concreta in favore dei nostri commercianti che, da una parte, sono stati costretti alla chiusura forzata nei mesi della pandemia, mentre dall’altra sono riusciti a garantire – pur nelle difficoltà – i servizi essenziali rivestendo un ruolo fondamentale durante l’emergenza”, afferma l’assessore al commercio Roberta Tellini. In seguito alle prime stime, abbiamo destinato a questo bando 200 mila euro, ma – vista l’importanza e la delicatezza del momento – siamo pronti intervenire con ulteriori fondi a integrazione di quanto già stanziato. Nessuno resterà escluso”.

Alla dichiarazione dell’assessore, è seguita anche quella del sindaco Michela Palestra: “Abbiamo ben presente la situazione di sofferenza in cui tanti commercianti si trovano e siamo consapevoli dell’importanza del commercio locale. Con questo provvedimento puntiamo a dare una boccata d’ossigeno ai negozi di vicinato, affinché possano tenere a lungo la saracinesca alzata e mantenere viva la nostra città”.

Le richieste di contributo dovranno essere redatte su apposito modulo, che potrà essere scaricato dal sito del Comune. Le domande dovranno pervenire, entro non oltre le ore 12.00 del 07 settembre 2020, all’ufficio Protocollo del Comune di Arese esclusivamente tramite casella di posta elettronica certificata all’indirizzo PEC:[email protected].

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese