Home Dal Comune

Il personale saluto del sindaco per l’apertura dell’anno scolastico

14 settembre 2020 – Oggi le scuole hanno finalmente riaperto i battenti e la prima cittadina Michela Palestra, in via personale e anche a nome dell’amministrazione comunale, manda un saluto e un augurio agli studenti, ai docenti, al personale scolastico, alle famiglie.

“Oggi inizia una nuova avventura formativa, che vedrà i nostri ragazzi protagonisti nel percorso di crescita personale e collettiva. Dopo le grandi difficoltà degli ultimi mesi, segnati da una pandemia che nessuno poteva immaginare, la scuola riapre le porte ai nostri figli”, scrive il sindaco. “Ringrazio le direzioni didattiche e i nostri dipendenti per l’impegno profuso per consentire la ripresa nelle migliori condizioni di sicurezza possibili.

Paragona i ragazzi a dei supereroi dei fumetti, che partono per la loro missione con grande fiducia, speranza, determinazione e afferma che “come spesso avviene nelle migliori saghe, deve succedere qualcosa di straordinario per far emergere il supereroe che c’è in ognuno di noi: nel nostro caso, purtroppo, è stato l’arrivo di un terribile virus… e allora proviamo a unirci e a fare squadra per combatterlo insieme. Forse non saremo perfetti, ma ognuno di noi ha la sua arma vincente, che sia un talento o una capacità, che può mettere accanto alle altre per far ‘nascere la magia’ e vincere la sfida”.

Rivolgendosi in particolare ai genitori il sindaco continua, ”Abbiamo imparato le regole del gioco e lo hanno fatto anche i nostri figli. Con consapevolezza e senza allarmismi, riprendiamo poco per volta la nostra quotidianità e le nostre abitudini. Il nostro obiettivo deve essere la formazione dei nostri ragazzi, affinché siano giovani consapevoli e liberi. Facciamo nostre le parole di Nelson Mandela, leader sudafricano e Premio Nobel per la pace: l’istruzione è l’arma più potente che abbiamo per cambiare il mondo”.

Conclude augurando a tutti un anno scolastico appassionato, difficoltoso per certi versi, ma sicuramente unico.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese