Home Dal Comune

Opere pubbliche: 13 milioni in tre anni

09 febbraio 2015 – Quasi 13 milioni di euro, è questa la cifra che il nostro Comune ha in programma di investire in opere pubbliche nel corso dei prossimi tra anni. Lo definisce la delibera di giunta numero 16 del 29 gennaio 2015, relativa al programma triennale delle opere per gli anni 2015/2017. Dalla quale si ricava che le risorse complessivamente disponibili nel triennio sono pari a 12,85 milioni di euro, ripartite in 6 milioni per il 2015, 3,57 milioni per il 2016 e 3,28 milioni per il 2017. Le disponibilità sono ascrivibili per 8,15 milioni a entrate acquisite mediante apporti di capitale privato, mentre i restanti 4,7 milioni provengono dagli stanziamenti di bilancio dell’ente.

Le opere più rilevanti, ovvero quelle che avranno un costo finale superiore al milione di euro, sono tre: la realizzazione di un nuovo centro civico – biblioteca comunale, la manutenzione (biennale con opzione di rinnovo biennale) degli immobili comunali e la manutenzione straordinaria della palazzina di proprietà comunale di via Repubblica 29. Per la biblioteca il budget inserito è pari a 4,45 milioni di euro, tutti posizionati sul 2015 e tutti provenienti da capitale privato (Adp). Per la manutenzione degli immobili comunali la spesa prevista è di 1,45 milioni di euro, 50 mila nel 2015 e 700 mila sia nel 2016 che nel 2017. Alla manutenzione straordinaria della palazzina di via Repubblica, infine, viene riservato un budget di 1 milione di euro, tutto iscritto nell’anno 2016. Nel piano triennale delle opere sono poi elencate altre quattro voci di spesa rilevanti, ovvero comprese tra 500 mila e 1 milione di euro. Le più consistenti riguardano la realizzazione di un nuovo asilo nido (610 mila euro nel 2017 – capitale privato) e il completamento dei lavori di costruzione di nuovi loculi e ossari nel cimitero capoluogo (600 mila euro nel 2017), mentre le altre due sono relative alla realizzazione del nuovo archivio comunale (550 mila euro tutti nel 2016) e alla sistemazione a verde con percorso ciclopedonale di un’area nel piano non specificata (520 mila euro nel 2017 – capitale privato).

I lavori che prevedono un importo superiore a 100 mila euro e inferiore a 500 mila sono, infine dodici. Tre di questi sono relativi alla costruzione di nuovi edifici o strutture, e più precisamente la realizzazione di un nuovo edificio polifunzionale (400 mila euro nel 2017), la realizzazione della nuova farmacia comunale (300 mila euro nel 2016) e la realizzazione di un nuovo parcheggio sul lato est della chiesa di Valera (320 mila euro nel 2016). Cinque saranno, invece, gli interventi di manutenzione straordinaria, che riguarderanno strade e marciapiedi (tre capitoli di spesa distinti per 150 mila euro nel 2015 e 300 mila euro sia nel 2016 che nel 2017), la manutenzione straordinaria di via Monviso (350 mila euro nel 2015)  e la manutenzione straordinaria delle coperture di via Caduti 2 con la sistemazione dei sistemi oscuranti (250 mila euro nel 2015). Tre capitoli di spesa riguardano, invece, opere si riqualificazione o sistemazione e prevedono la riqualificazione dell’incrocio tra via dei Platani e via Matteotti (400 mila euro nel 2016), la sistemazione dell’ultimo tratto del centro storico (400 mila euro nel 2017) e la riqualificazione ambientale dell’ex fontanile di via Leopardi (350 mila euro nel 2017). L’ultima voce, infine, è quella relativa agli interventi di potatura sul patrimonio arboreo comunale per l’anno 2015 (150 mila euro).

Da premettere alla lettura di questi dati il fatto che il programma triennale delle opere non è uno strumento immutabile, ma può essere quasi considerato come un atto di indirizzo. Questo significa che, stabiliti gli stanziamenti già coperti da entrate o da previsioni di entrata, non è detto che successivamente alla sua prima stesura la cronologia delle opere non possa subire qualche variazione. Anticipandone, come già successo in passato, alcune e rimandandone altre. Il tutto determinato tramite l’approvazione di una nuova delibera integrativa.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese