Home Dal Comune

Per gli anziani sarà “un’Estate serena”

24 luglio 2015 – Anche quest’anno i Servizi sociali hanno messo a punto una rete di supporto mirata soprattutto alle esigenze degli anziani durante il periodo estivo, in particolare durante il mese di agosto. ”Grazie alla nuova convenzione con la Fraternita di Misericordia – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Barbara Scifo – e allo sviluppo dei servizi dell’Azienda Speciale Casa di Riposo Gallazzi Vismara, abbiamo ridefinito un sistema integrato di servizi per garantire il benessere di chi resta in città, con particolare attenzione agli anziani con maggiori fragilità”. E in effetti i servizi che offrirà la Gallazzi Vismara, in cooperazione con la Misericordia, nell’ambito del programma Estate Serena sono numerosi ed erogati sia in forma gratuita che a pagamento, in funzione del tipo di servizio e di colui che lo riceve.

Interamente gratuita sarà l’assistenza agli anziani in difficoltà e privi di rete familiare di supporto. A questi aresini saranno garantiti gli interventi di assistenza domiciliare, gli accompagnamenti presso le strutture sanitarie del territorio, il Telefono Amico e la consegna dei farmaci a domicilio. La Casa di Riposo Gallazzi Vismara offrirà inoltre a pagamento, per tutte le persone con più di 65 anni di età, servizi quali la mensa, l’assistenza all’igiene personale e la possibilità di iscriversi al centro diurno integrato.

In questo contesto non va poi dimenticato il nuovo servizio della Farmacia Comunale di via Vismara, con il quale è possibile richiedere la consegna a domicilio (o presso un qualunque indirizzo aresino) dei farmaci. Il servizio è gratuito per tutte le persone che hanno compiuto i 75 anni di età, per i disabili certificati Legge 104/92, per gli invalidi con invalidità pari o superiore al 75 per cento e per le neo mamme con bimbi fino ai 6 mesi di età. Anche chi non rientra in una di queste categorie ha comunque la possibilità di farsi recapitare i farmaci a fronte di un contributo di 5 euro a consegna.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese