Home Eventi

Arese celebra Giornata Unità Nazionale

29 ottobre 2014 – La prossima domenica 2 novembre si terrà una cerimonia per ricordare il 96° anniversario del 4 novembre 1918, data che ha segnato la fine della prima Guerra Mondiale per l’Italia. Ad essere celebrata sarà la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, per rendere omaggio ai Caduti in guerra e commemorare il contributo e il sacrificio che le Forze Armate hanno dato per la libertà, l’unità e l’affermazione della democrazia nel nostro Paese. Le celebrazioni si apriranno alle ore 10,00 con la Santa Messa e la benedizione delle corone presso la Chiesa di San Bernardino di Valera, a cui farà seguito l’omaggio ai Caduti presso i Cimiteri di Valera e del Capoluogo, con la partecipazione della Filarmonica Giuseppe Verdi. In seguito, alle ore 11,00, la cittadinanza ricorderà i suoi Caduti nella piazza davanti al Municipio, sempre alla presenza della Filarmonica Giuseppe Verdi.

Le celebrazioni si concluderanno con la consegna la piastrina di riconoscimento ai familiari del soldato Vittore Papis, caduto in Russia durante la Seconda Guerra Mondiale. La cerimonia avrà luogo nella sala consigliare del Comune di Arese, presente il sindaco e le autorità comunali. La piastrina verrà materialmente consegnata dall’Alpino Reduce della Campagna di Russia  Ten. Pellegrini alla signora Luisa Papis, nipote del caduto. La cerimonia di alto significato morale avrà luogo in un clima di voluta riservatezza. Come racconta la sezione Peppino Prisco dell’Ana di Arese, il ritrovamento della piastrina di Papis non è stato del tutto casuale ma lo si deve all’alpino Ferdinando Sovran, ex consigliere nazionale dell’Associazione Nazionale Alpini, che si è recato ripetutamente in Russia sul teatro di guerra che ha coinvolto le nostre Forze Armate alla ricerca di cimeli e testimonianze.

Alle 15,20, infine, al Cinema Teatro Arese, la Compagnia Teatrale di Arese, con il patrocinio del Comune, porterà in scena lo spettacolo teatrale I mutilati dell’anima (leggi qui), momento di riflessione e approfondimento in questa ricorrenza importante per la storia d’Italia.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese