Home Eventi

Cangemi-Ferrari, narrativa d’autore al TechCafé

03 dicembre 2016 – Due autori, due libri, un regalo. Da fare a voi o ai vostri cari. Domenica 11 dicembre, alle 11.00, il QuiArese TechCafé vedrà la presenza dell’aresina Claudia Cangemi e del milanese Andrea Ferrari, entrambi scrittori, che in un dialogo-confronto presenteranno le loro ultime opere. Il tutto davanti a un gustoso aperitivo. “Buchi nell’acqua e altri esperimenti” è una raccolta di racconti scritti da Cangemi dopo tre libri di poesie (il primo vincitore del Premio Quasimodo) e un racconto premiato a un concorso e pubblicato da Baldini e Castoldi. Il libro si immerge nelle storie di sei adolescenti dai dodici ai diciassette anni, colti in un momento particolare delle loro giovani vite. “Sangue nero” è invece il sesto romanzo di Brandelli come scrittore “solista” (all’attivo ha anche altri quattro romanzi e numerosi racconti realizzati insieme a Riccardo Besola e Francesco Gallone). In una val Brembana battuta da piogge torrenziali, strani omicidi minacciano la tranquillità dei riservati montanari. Una frana di eventi si abbatterà sulla vallata e rotolerà inesorabile fino a Bergamo alta. Qui il burbero detective Angelo B. Bossi dovrà salvare Adelaide, principessa 2.0 di una provincia dove niente è come appare.

Entrambi i libri hanno ottenuto ottimi risultati sia di pubblico sia di critica. “Vi ricordate quanti buchi nell’acqua abbiamo fatto durante l’adolescenza? Claudia Cangemi ce lo racconta con il suo ultimo libro ‘Buchi nell’acqua e altri esperimenti’, edizioni Giovane Holden, dove descrive sei storie di ragazzi come lo siamo stati un po’ tutti”, ha scritto Maria Giovanna Farina su FanPage. “La sua abilità è stata quella di farlo con la memoria non offuscata dall’essere diventata adulta. Claudia non ha dimenticato ciò che abbiamo vissuto in quel momento della vita. Leggendo sembra di tornare in quel ‘luogo’, si capiscono molte cose che allora erano sfuggite, grazie anche alla sua scrittura pulita e veloce capace di non far distogliere lo sguardo dalla pagina. Un libro che ogni genitore dovrebbe leggere per tornare in quel momento e capire meglio i propri figli”.

“Sangue Nero”, pubblicato da Novecento Editore, è da poco in libreria. Ecco cosa ne scrive Gianluca Ferraris su Donna Moderna: “Al poliziotto Angelo B. Bossi tocca muoversi fra spacciatori di provincia e adolescenti che non sono quel che sembrano, in un puzzle complicato e sincopato, che Ferrari è bravissimo a comporre capitolo dopo capitolo. Ennesima prova della bravura di un giallista che meriterebbe classifiche e premi”.

Se il libro di Ferrari è in libreria da pochissime settimane, quello di Cangemi sta affrontando la prova del pubblico con ottimi risultati. Ma lasciamo parlare qualche lettore:

Ho finito di leggere i tuoi racconti. Li ho trovati deliziosi e con emozioni note che hanno finito, a tratti, per commuovermi. Hai un grande dono: scrivere benissimo e riuscire a trasmettere tante sensazioni. Un mix esplosivo e di sicuro successo. Spero di leggerti di nuovo molto presto. Ero convinta che non sarei riuscita a leggere racconti su adolescenti invece, come mi avevi suggerito tu, è una lettura senza età. Io l’ho trovato autentico, molto dolce e con una scrittura che ti arriva dritta al cuore. Ma come hai fatto a ricordarti tutte quelle emozioni? Complimenti di cuore, congratulazioni e GRAZIE!
Elisabetta Balduini

Nei tuoi racconti (ma anche nelle tue bellissime poesie!) tu cogli perfettamente la essenza di vari disagi e la vulnerabilità di chi ne ‘soffre’. Per questo il tuo libro può essere di grande aiuto per chi lo legge: acquisire consapevolezza del proprio dolore, viverlo e intraprendere un cammino verso la guarigione.
Marianne S.

In ogni storia mi sono ritrovato di volta in volta padre, madre, figlio e figlia. Sarò schizofrenico? Spero di no, preferisco rispondermi che la scrittura è il risultato di una ricetta con tanti ingredienti. Guai a sbagliare le dosi. E tu sei una cuoca provetta, ecco cosa vorrei dirti. Dei tuoi racconti ho apprezzato lo stile e il ritmo, la capacità di invogliare a proseguire riga dopo riga, per vedere come va a finire; la profondità dolorosa che solo l’esperienza personale può trasmettere; quei gesti minimi, i toni di voce, i sottintesi e le ingenue falsificazioni della realtà in cui noi genitori siamo maestri quando si tratta di eludere un problema evidente, anziché cercare di affrontarlo. Quindi brava, cara Claudia.”
Marco M.

Troverete altri commenti e recensioni sulla pagina Facebook dedicata “Buchi nell’acqua e altri esperimenti”.

L’appuntamento con i due autori è in via dei Caduti 6 ad Arese, a partire dalle 11, nella sala eventi del QuiArese TechCafé. Per chi è interessato a un regalo di Natale originale saranno in vendita i libri autografati. L’aperitivo è proposto a 5 euro.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese