Home Eventi

Domenica anche Arese alla biciclettata per la pace

27 maggio 2016 – Nella mattinata di domenica 29 maggio gli aresini potranno prendere parte alla biciclettata “Vuoi la pace? Pedala”. La manifestazione, giunta alla sua settima edizione, si propone di sensibilizzare tutti i cittadini sui problemi legati all’ambiente, al riciclaggio e alla sostenibilità, in particolare facendo riferimento ai programmi dell’Onu esposti nel settembre 2015 relativamente allo sviluppo sostenibile e al bene comune. La manifestazione  è promossa dal Coordinamento La Pace in Comune, in collaborazione con le Acli milanesi, con il patrocinio del Comune di Milano e del Consiglio della Regione Lombardia. Anche quest’anno, il Comune di Arese aderisce alla manifestazione, che prevede sette percorsi che attraverseranno 76 comuni delle provincie di Milano, Monza e Brianza, Lodi, Pavia e Varese con arrivo in piazza Duomo a Milano verso le 12.00.

Relativamente alla nostra città il ritrovo è alle 9.00 in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa e si pedalerà in compagnia fino al Duomo di Milano, che sarà raggiunto dai ciclisti intorno a mezzogiorno. L’itinerario stabilito prevede che, dopo il raduno, il gruppo di Arese si unisca ai ciclisti provenienti da Rescaldina; la partenza è prevista per le 9.15, con l’itinerario che proseguirà attraversando i comuni di Bollate e Baranzate, nei quali altre persone si aggiungeranno alla comitiva; si giungerà in seguito al quartiere milanese di Quarto Oggiaro e da lì si continuerà a pedalare verso il centro di Milano. Il percorso terminerà verso mezzogiorno in Piazza del Duomo dove, riunitisi ciclisti provenienti da diverse parti della Lombardia, ci sarà un evento speciale, organizzato per coronare e concludere il progetto.

Complessivamente la bicicletta attraverserà 76 Comuni, appartenenti a cinque province diverse, per un percorso totale di circa 350 chilometri. “Sarà una una festa – commenta il vicesindaco, Enrico Ioli – ma anche una testimonianza importante di quanto la pace e lo sviluppo sostenibile siano temi che stanno a cuore a un numero sempre più grande di persone e siano obiettivi da perseguire con tenacia e passione, mettendosi in gioco in prima persona”.

Servizio di Caterina Di Cesare

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese