Home Eventi

Due incontri su vaccinazioni pre-adolescenziali

12 novembre 2013 – L’amministrazione comunale, in collaborazione con Donne in Rete Onlus, sta promuovendo il progetto di informazione, prevenzione e comunicazione “W – Viva il vaccino” sul tema della salute come diritto, che ha tra i suoi punti principali la promozione delle vaccinazioni, per maschi e femmine, con una particolare attenzione al papilloma virus e ai condilomi. Su questo tema sono stati organizzati due incontri, il primo dei quali si terrà il prossimo mercoledì 13 novembre alle ore 21,00, presso l’auditorium Aldo Moro. Il secondo incontro è invece programmato, nello stesso luogo e alla stessa ora, per mercoledì 27 novembre. Nel presentare l’iniziativa, l’amministrazione ricorda anche che il Piano Nazionale Prevenzione Vaccino 2012/2014 prevede la somministrazione gratuita del vaccino anti-HPV alle ragazze dodicenni e che in commercio sono presenti due vaccini efficaci e sicuri, cui possono essere sottoposti sia maschi che femmine, in diverse fasce d’età.

Nel corso del primo appuntamento veranno trattate le problematiche relative alle vaccinazioni in generale e interverranno il Gian Vincenzo Zuccotti, Direttore U.O. Pediatria dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano, e la presidente di Donne in rete onlus, Rosaria Iardino. Al secondo incontro, specificatamente dedicato al papilloma virus e condilomi, interverranno Chiara Mameli, U.O. Pediatria dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano, e la Presidente di Donne in rete onlus, Rosaria Iardino. “Come Amministrazione – spiega Barbara Scifo, assessore alle Politiche Sociali – abbiamo deciso di patrocinare e aderire insieme ad altri comuni della Lombardia alla campagna informativa promossa e sostenuta da Donne in rete onlus, perché siamo convinti che la vaccinazione sia uno strumento indispensabile per prevenire la diffusione di un’infezione riconosciuta da tempo dalla comunità scientifica come la causa necessaria, benché non sufficiente, del cancro della cervice uterina. Poiché inoltre la maggiore efficacia della vaccinazione anti-HPV si raggiunge intervenendo nell’età della pre-esposizione, è importante che i genitori, sopratutto di ragazze e ragazzi in età pre-adolescenziale, siano consapevoli della possibilità di accesso alla vaccinazione per consentire ai propri figli un futuro a basso rischio di malattie”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese