Home Eventi

Gara al Morganda, una bellissima esperienza

29 giugno 2015 – Domenica 21 Giugno la gara di pesca al bianco, organizzata al Laghetto Morganda, inizia puntuale alle prime luci del mattino. L’aria fresca e il silenzio accolgono tutti i partecipanti ordinatamente schierati sulla riva del laghetto, un luogo che sembra incantato. Le canne da pesca spinte verso l’acqua e lo sguardo fisso nel punto in cui il filo scende perpendicolare al fondo… i pescatori sperano in una giornata fortunata. Nella categoria adulti molti i pescatori esperti, mentre tra gli iscritti in quella dei “Pierini” (i ragazzi fino ai 16 anni) uno solo ha preso parte alla gara, Mirko Fattor, 10 anni… e mio figlio! Che è alla sua prima esperienza ed è accompagnato dallo zio, Giancarlo Giudici. La mattina scorre veloce, ciò che colpisce è lo spirito di squadra che unisce tutti i partecipanti, soprattutto nei confronti del piccolo Mirko, che resta concentrato, paziente e fiducioso fino al primo ed unico pesce pescato, un Persico Sole conosciuto anche come “gobbetto”, negli ultimi minuti di gara.

Come da regolamento, alle 11.00 in punto i pescatori ritirano le lenze e riordinano le attrezzature, poi in gruppo si dirigono verso il bar per ammirare la bellissima mostra fotografica e gustare un ricco rinfresco offerto per l’occasione. Mirko è parte integrante del gruppo, ascolta consigli e racconti dagli esperti ed è felice, a nessuno interessa veramente quanto si è pescato, l’importante è aver pescato insieme. Il momento della premiazione è un concentrato di allegria e di tifo appassionato che prosegue per tutta la durata della grigliata offerta ai partecipanti. Mirko è ancora tra loro, tornerà a casa nel tardo pomeriggio, conservando nel cuore una gran bella esperienza, di pesca, ma anche d’affetto e di amicizia.

Per tutto quanto realizzato in questa occasione, un ringraziamento sincero va ad Aldo Reggiani, presidente, ad Angelo Pellegatta e a tutta l’Associazione Pescatori e Cacciatori di Arese, che si prodigano quotidianamente per la cura, davvero appassionata, di questo angolo sorprendente e nascosto di Arese. Un ringraziamento anche all’amministrazione comunale che ha supportato l’evento, che si è rivelato un momento molto piacevole anche per noi profani.

Servizio e foto di Simona Giudici

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese