Home Eventi

Gara di pesca al Bianco, i “Pierini” crescono!

30 giugno 2016 – Domenica scorsa si è svolta la Gara di Pesca al Bianco sulle sponde del Laghetto Morganda di Arese. La gara, come ogni anno, era aperta a due categorie di pescatori: Adulti e “Pierini” (nel gergo di questo sport i giovanissimi pescatori di età fino ai 13 anni) che già alle 7.30 del mattino iniziavano a sistemare le attrezzature nelle postazioni assegnate loro dagli organizzatori. Ore 8.00 si comincia: una decina di adulti, quattro Pierini ed una gran gara! La mattinata è trascorsa senza intoppi, il silenzio e la magia di questo angolo di pace venivano risvegliate ogni volta solo dalla gioia di tutti, non appena un galleggiante iniziava a muoversi su e giù, quando il filo si tendeva, la canna si inarcava in punta ed il pescatore iniziava la delicata tecnica del recupero: un pescegatto, una carpa, un’altra ancora… Una vittoria per tutti! Stesso entusiasmo per i Pierini che hanno fatto buona pesca di “Gobbetti”, piccoli pesciolini il cui nome vero è Persici Sole, per via del loro colore giallo.

Insomma, il nostro Laghetto Morganda domenica ha dato delle belle soddisfazioni. Alle 11.00 in punto il giudice di gara ne comunica la fine. Fine anche del silenzio: improvvisamente sulle acque del laghetto tornano a volare le anatre e gli aironi, qualche oca sulle sponde inizia a starnazzare, si alza persino un alito di vento che fa suonare le fronde degli alberi e rinfresca quella mattinata calda ed assolata. I pescatori raccolgono le attrezzature e si dirigono al punto di ristoro, dove è stata allestita una mostra fotografica ricca di immagini suggestive di questo luogo incantevole e dove poco dopo si svolgerà la premiazione, con un brindisi per tutti.

Vengono premiati prima gli adulti, esperti pescatori, per poi lasciare spazio ai Pierini che hanno avuto un ruolo importante in questa mattinata. Ciascuno di loro, oltre alla coppa, ha ricevuto un premio speciale legato a questo straordinario sport e, per l’unica ragazzina in gara, è arrivato anche un delicatissimo mazzo di fiori. Riconoscimenti che vanno a premiare soprattutto il loro impegno, la costanza, la pazienza, l’amore per la natura.

Immersi in questo paesaggio, nulla è sfuggito, nemmeno i progressi fatti da chi, pur essendo ancora “Pierino” sta procedendo nella sua crescita personale, diventando, “Gobbetto dopo Gobbetto”, sempre più autonomo, non solo nella tecnica di pesca, ma anche nella capacità di affrontare le sfide, di raggiungere degli obiettivi, di rispettare le regole, senza mai scoraggiarsi. E sta apprezzando l’importanza di condividere una passione, di fare tesoro dei consigli e delle esperienze dei più esperti, proprio come accade nella vita, oltre il cancello rosso del Laghetto Morganda.

Per tutto questo si ringraziano Aldo Reggiani, presidente, che non ha mai lasciato i Pierini soli, supportandoli in ogni momento della gara; Angelo Pellegatta che durante la premiazione non ha mai smesso di tifare per i ragazzi, e tutti i membri dell’associazione Pescatori e Cacciatori Aresini, che amano il Laghetto e se ne prendono cura, perché credono fermamente nella magia di questo splendido angolo di Arese. Arrivederci alla prossima!

Servizio di Simona Giudici

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese