Home Eventi

Gli Artigiani in Fiore colorano Villa La Valera

23 marzo 2019 – Nel fine settimana Villa La Valera sarà colorata dalla manifestazione Artigiani in Fiore, un evento a tema Arte e Natura che si sposa con il tema dell’arte presente in villa con le sue bellissime sale, le statue, le fontane e con il tema della natura, con i suoi meravigliosi giardini, che ricalcano la decorazione e l’ars topiaria di un tempo.

Artigiani in Fiore dal canto suo è un evento che vuole valorizzare l’Arte e la Natura: l’arte rappresentata dai numerosi artigiani artisti che presenteranno in villa i loro particolari, originali ed artistici manufatti e la natura rappresentata dai florovivaisti e vivaisti, provenienti da tante zone d’Italia, in un contesto che a sua volta valorizza arte e natura. Nella manifestazione saranno presenti diverse aree, intrattenimenti e laboratori didattici per bambini ed adulti, conferenze a tema, musica, visite guidate, un’area del gusto con espositori particolari e selezionati e tanto altro.

Le storiche ambientazioni settecentesche di Villa Ricotti La Valera si trasformeranno dunque in una fucina floreale, con allestimenti e scenografie, per artigiani e florovivaisti che esibiranno le loro produzioni: opere in ceramica, vetro, tessuti, cuoio, piante e fiori, prodotti naturali, essenze, nuove collezioni moda ed accessori primavera – estate, tessuti ecologici, arredi e complementi per la casa, gioielli ispirati a fiori e foglie. Nella storica location esporranno artisti, artigiani artisti, vivaisti, florovivaisti, progettisti e realizzatori di giardini, scuole di agraria e floricoltura con cui entrare in contatto e da conoscere dal vivo.

Artigiani in Fiore è un evento promosso da Associazione culturale e artistica Iperbole ed organizzato in collaborazione con Eventi doc di Myriam Vallegra e Villa Ricotti La Valera e sarà patrocinato da Comune di Arese e Regione Lombardia. La manifestazione sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, sabato 23 e domenica 24 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 19.30.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese