Home Eventi

Gli eventi per la festa della donna

01 marzo 2012 – Comincia in anticipo sulla data canonica il ricco programma di eventi organizzati dall’Ufficio Cultura del Comune di Arese in occasione della Giornata Internazionale della Donna del prossimo 8 marzo. Il primo appuntamento sarà già per sabato 3 marzo alle 17,00 quando, presso la biblioteca di viale dei Platani, la scrittrice Claudia Gualdana presenterà, nell’ambito della rassegna Aperitivo con l’autrice, il libro Eva e la rosa, storie di donne e regine di fiori. Sempre in biblioteca, a partire dal 3 e fino al 10 marzo, sarà allestita la mostra Ritratti femminili, che esporrà opere della pittrice aresina Valeria Trapella. Mercoledì 7 marzo alle ore 21,00, sempre presso la biblioteca comunale, ci sarà la conferenza Tàhirih (Pura), “Potete uccidermi mille volte ma non sarete mai in grado di fermare l’emancipazione della donna”.

Interverranno alla serata il relatore M. Mirpourian mentre la parte musicale vedrà esibirsi alla tastiera e tar Saeed Mirzazadeh e alla voce Sahba Khalili. Al termine della conferenza verrà organizzata una degustazione di tè preparato con il samovar e di dolci tipici persiani. E’ anche previsto un omaggio floreale a tutte le donne partecipanti. Giovedì 8 marzo alle 20,00, invece, la Pro Loco di Arese organizzerà una cena con animazione presso il salone dell’oratorio di Maria Aiuto dei Cristiani. Per partecipare alla cena è necessario prenotarsi entro lunedì 5 marzo chiamando il numero 370-1060830.

Infine, il 9 marzo sarà il Partito Democratico a chiudere il programma. Dalle ore 21, presso la Biblioteca Comunale, si discuterà sul tema delle “Donne motore della società”. Sono previsti interventi e testimonianze sulla precarietà nel mondo del lavoro che colpisce in particolar modo le giovani, sulle donne del sud del mondo con particolari riferimenti ai premi Nobel per la pace e riflessioni a partire dal libro “Donne che reggono il mondo”. Tutti gli interventi saranno intervallati da letture di brani e intermezzi musicali.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.