Home Eventi

Il Laboratorio propone analisi su Isis

10 marzo 2015 – Nel tentativo di muovere i primi passi verso la comprensione soprattutto del fenomeno Isis, il Laboratorio di Ricerca per la Politica propone, per il prossimo giovedì 12 marzo alle ore 21,00 presso il Forum delle Associazioni, una serata di ricerca e approfondimento in cui verrà analizzato il fenomeno dell’integralismo musulmano, durante la quale tutti i presenti potranno fornire un contributo informativo e interpretativo sulle eventuali possibili risposte che si possono dare a questo difficile problema sia sul piano delle azioni sia su quello culturale. L’idea della serata ha preso spunto dalle drammatiche vicende che hanno riguardato la redazione del settimanale Charlie Hebdo di Parigi e le precedenti e successive stragi che hanno insanguinato il mondo nel nome di una presunta guerra santa musulmana rivendicata dalle tante sigle, sulle quali spicca quella dell’Isis. “Pensiamo – spiegano dal Laboratorio – che gli aspetti politici, sociali e religiosi che ne sono alla base di questi atti estremi, o che hanno concorso a determinarli, meritino un’attenta valutazione”.

Secondo il Laboratorio il fenomeno del terrorismo islamico deve essere approfondito anche a freddo, e non solo sotto la spinta emotiva degli ancora recenti fatti di cronaca: “Senza ignorare – concludono dall’associazione – l’importanza della grande manifestazione parigina e il suo significato di difesa dei valori di democrazia, pluralismo, libertà di espressione, solidarietà e coesione politica tra la maggior parte delle nazioni, europee e non, che vi erano rappresentate, si rende indubbiamente utile, sotto un diverso profilo, prestare molta attenzione agli antefatti e alle motivazioni remote di questi avvenimenti che fanno presumere che i responsabili di tanto terrore non si fermeranno qui e che quindi possano rappresentare per il futuro un rischio potenziale di un conflitto ancora più ampio e devastante”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese