Home Eventi

Il “Conte” inaugura Villa Arconati

22 giugno 2012 – La XXIV edizione del Festival di Villa Arconati, sarà aperta il giorno 26 giugno da Paolo Conte, grande musicista che ha coltivato i suoi sogni e le sue visioni musicali e, sin dai primi albori della sua carriera, è passato a raccontarli nella cornice di Villa Arconati a Castellazzo di Bollate. Il suo contributo è stato fondamentale per trasformare l’omonimo Festival, allora alla sua prima edizione, in una delle più importanti manifestazioni musicali internazionali, prima ancora che milanese. Il “Conte”, infatti, è considerato dal pubblico una sorta di padrino, avendolo inaugurato nel 1988. Ora torna per la quinta volta, dopo otto anni e, ancora una volta, inaugurerà la nuova stagione 2012 con un passaggio del suo tour europeo, reduce dalle date tedesche di Monaco e Francoforte e dalla tappa austriaca di Vienna.

Paolo Conte sarà accompagnato da un organico ricco di elementi, una vera orchestra di 10 musicisti, composta da: Nunzio Barbieri (Guitar – Electric Guitar); Lucio Caliendo (Oboe – Bassoon – Percussions – Keyboard); Claudio Chiara (Alto Sax – Tenor Sax – Baritone Sax – Flute – Accordeon – Bass – Keyboard); Daniele Dall’Omo (Guitar); Daniele Di Gregorio (Drums – Percussions – Marimba – Piano); Luca Enipeo (Guitar); Massimo Pizianti (Accordeon – Bandoneon – Clarinet – Baritone Sax – Piano – Keyboard); Piergiorgio Rosso (Violin); Jino Touche (Double Bass – Electric Guitar); Luca Velotti (Soprano Sax – Tenor Sax – Contralto Sax – Bariton Sax – Clarinet). Lo spettacolo inizia alle 21,30, e la biglietteria del festival sarà aperta dalle ore 19,30. I posti sono numerati e il costo del biglietto è di 60 euro nel I settore, 50 euro nel II settore e 40 euro (più prevendita) nel III settore. Per maggiori informazioni è possibile chiamare il Numero verde 800 47 47 47, oppure il Servizio Cultura del Comune di Bollate (02 350 05 520); per avere informazioni sulla rassegna e sugli eventi di quest’anno basta recarsi sul sito web www.festivalarconati.it.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

Servizio di Davide Fina