Home Eventi

L’11 aprile incontro con Marco Invernizzi

04 aprile 2013 – Da oltre due anni ad Arese si è costituito un Gruppo di studio sulla dottrina sociale della Chiesa. Tale Gruppo, sorto per iniziativa di alcuni laici, si ritrova mensilmente presso la sala parrocchiale di Maria Aiuto dei Cristiani e nel corso del primo anno ha affrontato lo studio dell’Enciclica sociale di Benedetto XVI Caritas in Veritate. Attualmente gli incontri sono, invece, dedicati all’approfondimento di alcuni temi individuati nel Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa edito a cura del Pontificio Consiglio della giustizia e pace nel 2004. All’interno di questo percorso formativo e allo scopo di riflettere sul ruolo politico-sociale dei cattolici, il Gruppo di studio ha organizzato il suo primo incontro pubblico a cui è invitata tutta la cittadinanza e che si terrà giovedì 11 aprile alle ore 21,00 presso la Biblioteca Comunale di Arese in viale dei Platani 6. Il tema della serata è La Dottrina Sociale nelle diverse esperienze politiche del movimento cattolico e sarà trattato da Marco Invernizzi. Presenterà e modererà l’incontro Ciro Gentile, del Gruppo Dottrina Sociale di Arese.

Marco Invernizzi è uno studioso del movimento cattolico italiano e autore di diverse opere di cui ricordiamo Il movimento cattolico in Italia, Cattolici contro l’Unità d’Italia? L’Opera dei Congressi 1874 – 1904, il saggio La Questione cattolica in 1861-2011. A 150 anni dell’Unità d’Italia. Quale identità? e La dottrina sociale della Chiesa. Oltre a questo Invernizzi è stato curatore dei due volumi 18 aprile 1948. L’anomalia italiana e Dal centrismo al Sessantotto. In occasione dell’incontro dell’11 aprile verrà presentato anche il suo saggio più recente, Luigi Gedda e il movimento cattolico in Italia. Invernizzi, infine, è anche redattore del mensile di apologetica Il Timone, conduttore della trasmissione settimanale La Voce del Magistero sull’emittente Radio Maria nonché responsabile lombardo dell’associazione di apostolato culturale Alleanza Cattolica.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.