Home Eventi

Le conferenze di marzo dell’Uniter

28 febbraio 2013 – Superata la boa della metà dell’anno accademico, le attività dell’Uniter sono ormai tutte ben avviate e organizzate fino al loro termine naturale del mese di maggio. Si susseguono con regolarità anche i viaggi culturali che nel mese di febbraio hanno portato i soci a visitare una città d’arte lombarda patrimonio dell’Unesco, Sabbioneta, per cinque secoli un modello di convivenza e di integrazione fra cattolicesimo ed ebraismo. Le conferenze del mese di marzo avranno inizio giovedì 7 con il ricordo di una grande attrice che verrà degnamente celebrata nell’imminenza dell’8 marzo, Giornata internazionale della donna. Con il titolo Anna Magnani: l’attrice, la donna, Michele Amato farà un excursus sulla vita personale  e artistica della famosa attrice, privilegiando la sua esperienza cinematografica, a discapito, per ovvi motivi di tempo, di quella teatrale, anch’essa molto prolifica, con proiezioni di piccoli spezzoni dei suoi film più rappresentativi. Il relatore, Michele  Amato, dopo una brillante carriera lavorativa in banca, ha potuto finalmente dedicarsi a tempo pieno alle sue passioni per la storia e per il cinema, trasmettendo le sue conoscenze e interessi in apprezzati e seguiti corsi e conferenze.

Giovedì 14 marzo Maurizio Poggi presenterà la conferenza L’acqua nella storia di Milano, perché la storia del capoluogo lombardo è stata segnata dalla presenza di una grande ricchezza del sottosuolo: l’acqua. E quindi l’acqua, il suo utilizzo, e il suo governo, hanno fatto di Milano la capitale agricola e industriale del nostro paese. Dai Celti ai Galli, dall’impero romano ai monaci cistercensi, da Leonardo a Villoresi, dal genio alla fatica, dalle invenzioni alla difesa, l’acqua ha segnato le più importanti tappe della storia milanese. Maurizio Poggi è un agronomo che la passione per la storia e l’arte ha portato a prestare la sua opera al Touring Club Italiano fino a diventarne un console per Milano. Per l’occasione proporrà ai presenti anche delle visite tematiche sul territorio, legate all’argomento della conferenza.

Il 21 marzo sarà l’arte la protagonista dell’incontro, un’introduzione alla conoscenza di un particolare periodo di un grande pittore in concomitanza con una mostra che da marzo si terrà a Palazzo Reale a Milano. Modigliani, tra le Avanguardie e la Scuola di Parigi  è il titolo che la relatrice Lia Goffi ha scelto per porre l’accento sul breve e intenso vissuto dell’artista Amedeo Modigliani e sul clima degli anni parigini nel primo ventennio del ‘900, dove convissero e si formarono intere generazioni di artisti. L’incontro sarà adeguatamente supportato da immagini delle opere presentate. Lia Goffi è un’insegnante di Educazione Artistica e, come presidente dell’associazione “Scuola per Scuola uguale Solidarietà”, si occupa di promuovere e diffondere la cultura e l’insegnamento della pace, della solidarietà e dei diritti umani in collaborazione con le scuole e il territorio, oltre a sostenere progetti di finanziamento verso scuole ed enti in difficoltà vicine a noi o nel sud del mondo.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.