Home Eventi

L’Halloween aresina è a misura di bimbo

28 ottobre 2014 – Dire che ormai sia tradizione anche da noi è forse eccessivo, ma di certo negli ultimi anni gli eventi, soprattutto per i più piccini, dedicati ad Halloween sono cresciuti sensibilmente. Non fa eccezione Arese, dove quest’anno si segnalano due iniziative a cavallo della notte delle zucche. Inizierà la biblioteca, che venerdì 31 propone quella che il Comitato Genitori presenta come una “giornata da brivido durante la quale i bambini partecipanti potranno immergersi in un mondo di paura e di mistero… ma non c’è da spaventarsi, solo da divertirsi in compagnia!”. Il programma inizierà alle ore 17,00 com la “Mostra di mostri”, una narrazione teatrale tratta da “Il libro dei mostri”, “L’alfabeto dei mostri” e “La scuola dei mostri”, a cura di Viandanti Teatranti, per bambini dai 4 ai 7 anni, che potranno partecipare attivamente diventando parte integrante della narrazione. Prima dello spettacolo, dalle 16,00 alle 17,00, ci sarà il truccabimbi, a cura di Giulia Staglianò. Alle 20,30 sarà la volta di “A sgranocchiar le stelle, che paura!!!”, uno spettacolo teatrale per bambini dai 6 ai 10 anni, a cura di Acetico Glaciale. L’ingresso è libero, ma è richiesta la prenotazione da effettuarsi direttamente in biblioteca, telefonicamente al numero 02-9385131 o per mail all’indirizzo [email protected]

L’Halloween aresino proseguirà sabato 1 novembre al Centro Sportivo Davide Ancilotto dove, a partire dalle ore 15,30 i bambini saranno coinvolti in “laboratori paurosi, giochi spaventosi e animazione”. A seguire ci sarà lo spettacolo di bolle di sapone, con il pentolone di Strega Gertrude e le sue bolle stregate… “A partire da un vecchio e polveroso libro degli incantesimi e da un pentolone con un intruglio misterioso si faranno bolle stregate… di scarafaggi, di ragno, bolle infuocate e davanti alla sfera magica e luminosa di bolle, consulteremo il futuro”. L’appuntamento è presso il palazzetto del Csda; prezzo di ingresso 5 euro.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese