Home Eventi

Lunedì Fermare il declino in auditorium

13 febbraio 2013 – Lunedì 18 febbraio si terrà, presso l’auditorium di viale Varzi ad Arese, l’incontro conclusivo della campagna elettorale per le elezioni politiche e regionali del comitato locale di Fare per Fermare il declino, con la presentazione generale dell’iniziativa e dei candidati del neonato movimento politico di Oscar Giannino. L’evento inizierà alle ore 21,00 e vedrà presenti, oltre ai militanti locali del movimento, molti ospiti speciali. Tra essi il nome di Alessandro De Nicola, uno dei sette fondatori di Fare, nonché avvocato di fama internazionale e presidente della Adam Smith Society e quello di Gianbattista Rosa, coordinatore regionale di Fermare il declino e candidato al consiglio regionale lombardo per lo stesso. Saranno presenti anche i candidati di Arese per la Camera e il Senato, Raffaella Sella (nella foto) e Oliviero Amodei, più i candidati di Lainate, Bollate e altre aree limitrofe. Prenderà parte alla serata anche una cospicua rappresentanza dell’associazione Imprese che resistono, la quale conta diversi candidati proprio tra le fila del movimento di Oscar Giannino.

Lo stesso Giannino, che non potrà essere presente, ha registrato un video-messaggio per la città di Arese e la sezione locale di Fare, che sarà mostrato integralmente ad inizio serata. Tra i militanti locali del comitato saranno presenti Antonio Loiero, Giorgio Citterio e Gherardo Vita. Un incontro cui i membri aresini di Fare tengono molto, nonché un’occasione di approfondimento per l’intera città, non solo in vista delle elezioni politiche e regionali ma anche delle delicatissime comunali. Questa la dichiarazione di una degli ospiti, Raffaella Sella, candidata aresina per Fare alla Camera nella circoscrizione Lombardia 1, riguardo alla serata: “E’ un’occasione da non perdere, per conoscere con uno dei fondatori una proposta nuova, liberale, fatta di iniziative concrete, perseguibili e misurabili per le regionali e le politiche, rivolta a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dalla solita politica, per tutti i cittadini che credono che cambiare sia possibile e per i delusi da un centrodestra che per vent’anni ha promesso meno spesa, meno tasse e meno debito e invece ha fatto sempre l’esatto contrario”.

Servizio di Giulio Monga

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.