Home Eventi

“Un albero in ricordo di Angela”

26 gennaio 2015 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Massimo Giuggioli, che ringrazia quanti hanno partecipato alle esequie della moglie Angela e ne offre un toccante ricordo.

Vorrei ringraziare tutti quelli che hanno partecipato sia con la presenza fisica sia con quella spirituale ai funerali di Angela. Mi sembra bello porre al centro di questo messaggio il fuoco. Il fuoco che accendiamo al temine della Via Crucis di Pianello Val Tidone, che dal mulino sale sulla collina fino alla scuola. Una Via Crucis che nell’essenzialità ci fa vivere il mistero del sacrificio di Cristo che termina con la morte in Croce. Nei giorni difficili Angela più volte mi ha detto: come doveva soffrire Gesù sulla croce quando aveva sete. Ho tanta sete, ma tu caro Massimo mi rinfreschi con acqua fresca, a Gesù gli hanno dato l’aceto. Il fuoco ci richiama alla Resurrezione, l’ultima tappa della Via Crucis, che sale tra gli alberi a ricordo di tanti amici che sono tornati alla casa del Padre. Il giorno del compleanno di Angela, vorrei piantare un albero anche per Lei al termine della Via Crucis. Mettetelo in agenda: 6 marzo 2015 a Pianello Val Tidone, un venerdì, faremo alla sera.

Grazie di cuore per la vostra vicinanza, per la bella festa che avete fatto ad Angela nel giorno del suo commiato. Per le parole di tutti, per gli oltre duecento messaggi giunti un po’ da tutte le parti del mondo dove l’hanno conosciuta. Mi hanno riempito il cuore, anche se ora mentre scrivo il mio cuore è arso come le labbra di Angela quando il cancro la succhiava via. E’ arso perché faccio mola fatica a non averla qui al mio fianco, a terminare la giornata senza di lei, ad alzarmi il mattino e non condividere quei magnifici momenti che aprivano la nostra giornata. Ci manca in comunità quando si prepara la cena, che ha preparato per tutti sino al 5 gennaio scorso; come hai fatto Angela?

Grazie Angela per tutto l’amore che mi hai dato, per tutta la forza che mi hai dato, per esserti sempre presa carico anche delle mie assenze, del mio correre per il mondo, condividendo sempre tutte le mie pazzie.

Grazie, stammi ancora vicino!
Massimo

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese