Home Eventi

Ride 125, una giornata dedicata ai ragazzi che vogliono provare una moto

03 giugno 2019 – Con il patrocinio del Comune di Arese, il prossimo sabato 8 giugno, presso La Pista di Arese, si terrà il Ride 125 Experience Day, un evento che permetterà a tutti i ragazzi che hanno almeno 16 anni di età di provare gratuitamente una moto in un contesto sicuro e in una struttura dedicata. Per partecipare ai test ride non è necessario avere conseguito la patente o avere già guidato un motociclo, perché i ragazzi saranno seguiti e guidati da istruttori professionisti. Non sarà necessario nemmeno disporre di un proprio casco o di abbigliamento tecnico da moto, perché tutto l’equipaggiamento di sicurezza sarà messo a disposizione dalle aziende partner.

“Il tema della sicurezza stradale – commenta l’assessore Roberta Tellini – è stato da sempre oggetto di attenzione da parte della nostra amministrazione. Naturalmente, ci sono tante variabili da tenere presenti, tra cui la ‘formazione’ e la sensibilizzazione dei guidatori. Ed è proprio su quest’ultimo aspetto che questa iniziativa, a cui anche Città dei Motori ha dato il proprio patrocinio, va a contribuire, perché si tratta di fare prove di guida in un contesto perfettamente adeguato allo scopo, accanto a istruttori professionisti, dotati di equipaggiamento di sicurezza. Gli elementi per divertirsi in modo intelligente non mancano”.

I partecipanti avranno la possibilità di provare le moto messe a disposizione da Aprilia, Fantic, KTM, Rieju e Yamaha, che porteranno in pista le loro novità. Tutte le moto saranno inoltre esposte al Centro, che come noto è adiacente al circuito. Nel corso della giornata ci sarà spazio anche per i più piccoli, che potranno partecipare ai corsi organizzati dalla Junior Moto School di Yamaha.

Gli organizzatori ricordano che i minori, per poter partecipare all’iniziativa, dovranno essere accompagnati da almeno un genitore. Maggiori informazioni sul Ride 125 Experience Day sono disponibili sulla pagina Internet che Red Live ha dedicato all’evento (clicca qui).

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese