Home Eventi

Rüttimann, “El pontero suizo”, ospite del Forum

05 maggio 2016 – Dopo gli incontri su Expo e Controllo di Vicinato e al recente riscontro positivo della serata dedicata alla Digital Economy, il Forum si fa promotore di un evento molto interessante per Arese, volto a condividere una straordinaria testimonianza di cittadinanza attiva a livello internazionale. “Quante sono – presentano l’ospite quelli del Forum – la persone che incontriamo nel corso della nostra vita e che, con il loro carisma e la loro capacità di comunicare, sono in grado di insegnarci qualcosa di straordinario, di arricchirci trasmettendoci la loro esperienza? Toni Rüttimann è sicuramente uno di questi. Più noto come ‘Toni el Suizo’ o, come lo ha definito il Times di Londra, ‘uno dei più discreti e invisibili eroi del mondo’, rappresenta un esempio straordinario di umanità e innovazione”.

Toni Rüttimann è un pontiere: dal 1987, quando lasciò la Svizzera per aiutare le popolazioni terremotate dell’Ecuador, dedica la sua vita alla costruzione di ponti nelle zone disagiate della Terra, e lo fa in modo libero, indipendente e gratuito. Il Forum, la lista civica nata da un percorso associativo di cittadinanza attiva, che ha portato ad esprimere il sindaco Michela Palestra nel 2013, ha avuto la possibilità di entrare in contatto con Rüttimann, che ha accettato di presentare la sua esperienza ai cittadini di Arese, in via del tutto eccezionale e con l’unica condizione di non farne occasione per eventi formali. Infatti la storia di Toni richiede soltanto ascolto e meditazione per il suo alto contenuto umano e sociale. Per questo i destinatari principali del suo messaggio dovrebbero essere i giovani, che si spera vogliano cogliere numerosi questa irripetibile opportunità.

“Non ho una casa, non ho una famiglia a cui render conto e non mi servono soldi – racconta Ruttimann in una intervista – la mia famiglia è il villaggio che mi ospita, i miei parenti diventano i campesinos che mi offrono un letto e dividono il loro pasto con me. Non ho bisogno di altro: i cavi mi vengono donati dagli impianti di risalita svizzeri mentre Tenaris, società del Gruppo Techint, dona dal 2005 i tubi per le strutture portanti. Nella mia vita sono sospeso come i ponti che costruiamo: fin dal primo istante del mio arrivo coinvolgo tutti i membri del villaggio, perché senza il loro lavoro e la loro manodopera nulla sarebbe possibile. Ma una volta terminato il ponte, dopo qualche settimana, mi rimetto in viaggio alla ricerca di altri fiumi da attraversare”.

A oggi, insieme alle popolazioni, dal 1987 Toni ha costruito 730 ponti, che servono due milioni di persone. A una media incredibile di 2 ponti al mese, per quasi trent’anni. “El pontero” sarà ospite della serata “Camminare sull’acqua” a lui dedicata dal Forum di Arese e aperta a tutti gli interessati, che è prevista per il prossimo martedì 10 maggio, alle ore 21.00, presso l’auditorium Aldo Moro. Introdurrà la serata Roberto Mori, mentre la conclusione della conferenza sarà affidata al sindaco, Michela Palestra.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese