Home Eventi

Scrittori a km 0 sabato con Claudia Cangemi

16 febbraio 2016 – Uno sguardo lucido eppure pieno di tenerezza. Senza cedere alla tentazione del luogo comune o della lacrima facile. E’ ciò che emerge dai sei racconti della raccolta “Buchi nell’acqua e altri esperimenti” (Giovane Holden Edizioni, 2015) che l’autrice Claudia Cangemi, aresina doc, presenterà sabato 20 febbraio alle 16.30 alla Biblioteca comunale di viale dei Platani 6 per il ciclo di incontri con l’autore “Scrittori a km 0”. Nell’occasione la scrittrice e giornalista dialogherà con l’assessore alla Cultura Giuseppe Augurusa.

Il libro, esordio nella narrativa dell’aresina Claudia Cangemi dopo tre libri di poesie e un racconto premiato a un concorso e pubblicato da Baldini e Castoldi, narra le storie di sei adolescenti dai dodici ai diciassette anni, colti in un momento particolare delle loro giovani vite. La difficoltà di farsi accettare nonostante un corpo goffo e sgraziato. L’ansia di piacere a un ragazzo e di potersi sentire “alla pari” con le coetanee che sbandierano le loro conquiste. L’amore impossibile che sembra improvvisamente potersi realizzare. Oppure l’ossessione segreta e “pericolosa” di un ragazzo timido e isolato per il compagno più affascinante della classe. L’incontro di un sedicenne in piena crisi per la separazione dei suoi con una coetanea “speciale” che sembra in grado di indicargli una via. E infine l’amicizia più importante, che apre la porta fino allora sbattuta in faccia della popolarità, ma allo stesso tempo lascia la giovane protagonista in preda ai dubbi e all’angoscia del tradimento.

Sono storie vissute o solo immaginate, ma sempre realistiche e coinvolgenti, raccontate con la voce e lo sguardo degli adolescenti alle prese con le loro “prove di volo” senza bussola né paracadute. Da leggere d’un fiato, facendo il tifo per loro. Per chi volesse saperne di più può leggere la recensione del libro fatta a firma del critico letterario del Giorno Gennaro Malgieri, che potete trovare anche sulla pagina di Facebook dedicata, sempre a disposizione per i commenti dei lettori (vedi qui).

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese