QuiArese

Giovedì 8 dicembre 2016
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Ravelli ordina lo sgombero del Csda!

Ravelli ordina lo sgombero del Csda!

E-mail Stampa PDF

AGGIORNAMENTO 27 GIUGNO: Il sindaco Ravelli ha revocato l'ordinanza Numero 45 relativa all'inagibilità del centro sportivo, sostituendola oggi con la numero 46 che ha per oggetto "Revoca ordinanza sindacale N. 45/2012 e nuova ordinanza di inagibilità e sgombero del Centro Sportivo Comunale Davide Ancilotto sito in via Resegone 67 in Arese". Anche la nuova ordinanza è disponibile per il download (scarica qui). La ragione della revoca è da imputarsi a un "mero errore materiale" in quanto l'atto amministrativo "non riportava il nominativo del Responsabile del Procedimento".

27 giugno 2012 - La vicenda del Centro Sportivo Davide Ancilotto subisce una brusca accelerazione con l'ordinanza N. 45 emessa oggi dal sindaco Ravelli, che ha per oggetto: "Ordinanza di inagibilità e sgombero del centro sportivo comunale Davide Ancilotto sito in via Resegone 67 in Arese". Nelle premesse del documento si legge che un cittadino ha protocollato il 15 giugno (numero 14254) una nota nella quale segnala una situazione "di grave pericolo per la cittadinanza e per tutti gli utilizzatori della struttura sportiva per probabile assenza di idonei strumenti per intervenire in caso di incendio e di pericolo".

Sempre nell'ordinanza del sindaco (clicca qui per vedere la versione integrale) si legge che un successivo sopralluogo del settore Lavori Pubblici, condotto però nelle sole aree esterne "in considerazione dei pregressi ostacoli posti dall'occupante all'accesso all'interno degli edifici e degli annessi locali tecnici" avrebbe evidenziato una serie di criticità per le quali "sussistono evidenti elementi di pericolo che mettono a repentaglio la sicurezza delle persone che accedono agli spazi del centro sportivo comunale". Per questa ragione, quindi, Ravelli nella sua ordinanza "ordina l'immediato sgombero del centro sportivo comunale" e contestualmente dà mandato agli uffici comunali competenti di "attivare tutte le procedure necessarie per verificare lo stato dei luoghi". L'ordinanza del sindaco dispone che il provvedimento venga notificato a Intese, la società che ha in gestione il centro sportivo, a una serie di uffici comunali, a Facs, alla Polizia Locale e ai Carabinieri di Arese e avverte che il mancato rispetto dell'ordinanza "comporterà l'immediata richiesta dell'assistenza della Forza Pubblica". La battaglia che vede opposta l'amministrazione a Intese si arricchisce dunque di un ulteriore capitolo, con la palla che passa ora alla società che ha in gestione il Csda che potrà opporre ricorso al Tar contro l'ordinanza del sindaco.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

 

Arese, la nostra città

il_comune_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...

 

"Scusate se insisto, ma la Liberazione non interessa?"

Parecchi mesi fa avevo proposto di intitolare una piazza, da me individuata nei pressi del cimitero del capoluogo, alla resistenza e ai partigiani. Visto l’interesse nullo degli ...