QuiArese

Sabato 21 ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Notizie Video sui social: Lega e Forza Italia chiedono dimissioni Ioli

Video sui social: Lega e Forza Italia chiedono dimissioni Ioli

E-mail Stampa PDF

28 febbraio 2017 - Lega Nord e Forza Italia chiedono le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici e vicesindaco Enrico Ioli. E’ quanto successo ieri sera in consiglio comunale, a seguito delle mozione presentata da Giuseppe Bettinardi di Arese al Centro in merito alla nota vicenda della facilità di fruizione dell’emiciclo consiliare da parte di consiglieri con disabilità motorie. “A seguito del consiglio comunale del 21 dicembre - ha premesso Sergio Cattaneo (nella foto), consigliere della Lega - il consigliere Bettinardi ha fatto presente ‘da architetto a architetto’ senza alcuna polemica, l’inadeguatezza degli scranni adibiti a eventuali consiglieri comunali portatori di handicap”.

Cattaneo ha poi stigmatizzato la risposta data dall’assessore Ioli in quell’occasione: “La risposta dell’assessore Ioli - ha sostenuto in aula il rappresentante della Lega - è stata che per un eventuale consigliere portatore di handicap si sarebbe riservato il primo posto a sedere dei banchi del consiglio comunale. E quindi il soggetto con un salterello avrebbe potuto sedersi senza problemi… Ammesso che una persona portatrice di handicap sia in grado di fare un ‘salterello’ come lei lo ha definito… se fosse nominato un sindaco con tali problematiche come pensa di risolvere la sua collocazione? Dovrebbe forse fare dei salti mortali per raggiungere la sua postazione?”.

A non piacere a Cattaneo è poi stato il tono delle risposte ricevute dopo la segnalazione: “Ribadendo - ha proseguito nel suo intervento il consigliere del Carroccio - che la segnalazione è stata fatta solo con spirito collaborativo e senza polemica, la questione si sarebbe potuta risolvere facilmente ammettendo una carenza del progetto e predisponendo una postazione ad hoc all’esterno dell’esistente bancone. Ma non contento il vicesindaco, perseverando con il suo arrogante atteggiamento, ha personalmente girato un video poi pubblicato sui social network, nel quale, fingendosi disabile, ha voluto dimostrare a tutti i costi la sua tesi. Il video agli occhi di tutti è stato una vergognosa pantomima irrispettosa nei confronti di persone che tutti i giorni devono affrontare i problemi legati alla loro disabilità. L’unica cosa che ci auguriamo è che tale iniziativa sia stata elaborata senza la conoscenza e l’adesione della giunta e dei consiglieri della maggioranza. Questo video per chi l’ha visto, e sono tanti, non ha fatto altro che creare imbarazzo, e ci domandiamo come un esponente della giunta con cariche importanti si sia permesso di divulgare sui social una tale nefandezza”.

L’affondo finale della Lega è quindi con la richiesta di dimissioni di Ioli: “Mi sembra ormai ovvio - ha concluso il suo intervento in aula Cattaneo - che al vicesindaco Ioli quando gli si chiedono spiegazioni o gli si fanno osservazioni sul suo operato lo prende come un’offesa personale e il suo ego prevale sul buonsenso e sulla capacità di prendere il tutto con uno spirito propositivo e non di attacco personale. Chiediamo quindi al vicesindaco di dare le dimissioni. In caso contrario la Lega Nord di Arese si asterrà a sua discrezione dai consigli comunali e dalle commissioni, fino a un chiarimento esaustivo”.

Dopo Cattaneo ha preso la parola anche Andrea Miragoli di Forza Italia, che ha espresso opinioni in linea con quelle del leghista: “Trovo assurdo - ha detto Miragoli - che le scuse dell’assessore Ioli arrivino solo dopo numerosissime lamentele e solo dopo una mozione. Mi viene da pensare che forse le scuse arrivino per obbligo e non per la precisa volontà del vicesindaco. Oltre a essere assurdo il ritardo con cui arrivano le scuse dell’assessore, è ancora più assurdo e raccapricciante pensare che un assessore prenda con astio delle osservazioni e si finga una persona disabile per giustificare i suoi progetti. Far finta di essere una persona disabile per confronto politico non è accettabile. Essere disabili non è un gioco, forse è il caso di crescere e di prendersi le proprie responsabilità. Per questo a nome del mio partito chiedo le dimissioni dell’assessore”.

A margine del consiglio comunale Sergio Cattaneo ha poi esteso la critica anche all’intera giunta e alla maggioranza: “Mi sono anche arrabbiato - dice il leghista - perché nessuno della maggioranza o della giunta ha avuto il coraggio di criticare l’atteggiamento negativo del vicesindaco Ioli. Le uniche parole che abbiamo sentito da giunta e maggioranza su questa vicenda sono state solo di solidarietà all’assessore, e non alle persone disabili. E questo lo trovo francamente inaccettabile”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

parco_einaudi.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...