QuiArese

Martedì 18 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Notizie M5S: "Noi unici a dire No a raddoppio centro commerciale"

M5S: "Noi unici a dire No a raddoppio centro commerciale"

E-mail Stampa PDF

07 giugno 2018 - Unica forza politica ad essersi espressa con un No netto e non negoziabile all'ampliamento del centro commerciale, il Movimento 5 Stelle (nella foto il candidato sindaco, Michaela Piva) ribadisce a poche ore dal voto le ragioni che lo motivano, con un elenco di otto punti nei quali, oltre a motivare, chiedono agli altri candidati al consiglio comunale di esprimere con chiarezza la propria posizione in merito. "In questi giorni - premettono i 5 Stelle - ne abbiamo discusso in diversi, poco pubblicizzati dibattiti pre-elettorali. Siccome in politica è più importante quello che non vi dicono anziché quanto si dichiara, noi del M5S vogliamo chiarire alcuni aspetti poco dibattuti, mettendo in fila alcuni punti".

E il primo punto è proprio la richiesta agli altri candidati, che potrebbero essere chiamati a rettificare con il loro voto in consiglio comunale il progetto, di esprimersi anticipatamente in merito: "Per trasparenza - invitano i pentastellati - i candidati devono dire se sono favorevoli o non favorevoli alla proposta dell'operatore, che prevede il raddoppio delle superfici commerciali: si tratta di 80 mila metri quadri che passerebbero da un valore produttivo di 800 €/mq a un valore commerciale di 4000 €/ mq, grazie all'alzata di mano di una decina di (ignari?) consiglieri comunali".

Un altro punto ribadito, e sul quale durante uno dei confronti tra candidati sindaco c'era stato un momento di tensione tra Michaela Piva del M5S e il sindaco uscente, Michela Palestra, riguarda i fondi per la riqualificazione dell'Area previsti nella finanziaria del 2004 e pari a 53 milioni di euro, che secondo il Movimento 5 Stelle non sarebbero più disponibili e ormai rientrati nel patrimonio dello Stato. Al di la della disputa sulla disponibilità o meno di tali fondi, il M5S sostiene che in ogni caso "l'oggetto di quei fondi erano le aree dismesse da reindustrializzare, non da convertire a commerciale favorendo una speculazione immobiliare". Secondo i Pentastellati poi "per il collegamento Arese-Rho Fiera sono stati stimati 180 milioni, molto distanti dai 53 milioni: né l'operatore né Regione hanno fondi per coprire il gap".

Altra criticità della lista di Michaela Piva riguarda i programmi di sviluppo previsti nell'Atto Integrativo all'Accordo di Programma, con i 5 Stelle che sostengono che "lo sviluppo di un'area di queste dimensioni non può essere garantito da una destinazione prevalentemente commerciale: la grande distribuzione è in crisi per la concorrenza del commercio online, quando si spegnerà quel motore si spegnerà anche l'ex-Alfa".

Ultimi due argomenti portati dai 5 Stelle sarebbero il fatto che "manca la verifica degli impegni occupazionali e l'applicazione delle sanzioni: abbiamo segnalato alla Corte di Conti che, stando agli impegni siglati, mancano oltre 300 posti di lavoro e non sono state applicate le sanzioni per ogni posto di lavoro mancato (245 mila euro cadauno)", e il tema dell'inquinamento e conseguentemente della salute pubblica che un ampliamento della superficie pregiudicherebbe, in virtù del fatto che la zona vedrebbe crescere ulteriormente il traffico veicolare generato dalle persone che si recano al centro commerciale: "A difesa della salute dei cittadini - ricorda il M5S - abbiamo promosso, ed è stata accolta, una petizione europea contro il raddoppio di superfici commerciali. In prima battuta la presidente della commissione ha inviato una lettera in cui chiede di abbandonare il progetto".

In chiusura di intervento i 5S accennano a qual è la loro idea di trasformazione dell'area: "Noi - conclude la lista che candida a sindaco Michaela Piva - abbiamo un'altra idea di sviluppo, vogliamo forme di lavoro stabili e qualificate, non speculazioni immobiliari che degradano e sfruttano il territorio, che spremono e gettano la gente con lavori ad ore. Vogliamo imprese volte all'economia green e circolare, moltiplicatori di posti di lavoro e di ricchezza".

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

valera_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...