Home Politica

Adp: dentro la Pascoli, fuori l’auditorium

24 febbraio 2014 – La giunta ha approvato lo scorso giovedì 13 febbraio una delibera che modifica la convenzione con Tea, nella parte che stabilisce le opere che la società deve realizzare all’interno dell’Accordo di Programma, approvata con delibera commissariale nel gennaio 2013. Questa delibera individuava una serie di interventi da realizzate nell’ambito dell’applicazione della convenzione, tre dei quali indicati all’articolo 4-bis e uno all’articolo 12. Gli interventi previsti al 4-bis sono la sistemazione degli immobili del centro sportivo, il rifacimento delle coperture delle scuole materna e nido di via Matteotti e dell’elementare e media di via Varzi e il rifacimento della controsoffittatura dell’auditorium, mentre l’articolo 12 prevede il rifacimento delle coperture della scuola materna di via Varzi. Sempre in quella delibera, la numero 11 del 2013, l’amministrazione si riservava ulteriori decisioni in merito ai tetti del Liceo Artistico, da definire a seguito di uno specifico accordo con la Provincia, e di demandare a un successivo provvedimento le scelte degli interventi su altre opere pubbliche previsti a carico di Tea.

Da fine gennaio 2013 è però intervenuta la necessità di procedere in tempi rapidi alla ristrutturazione della scuola elementare Giovanni Pascoli (nell’immagine Google Maps), dove si dovrà procedere al rifacimento dell’impianto di riscaldamento e alla bonifica dall’amianto. Lavori che la giunta considera urgente definire, al fine di poterli realizzare durante le vacanze estive, facendo in modo che gli edifici siano pronti e agibili per il nuovo anno scolastico. A fare le spese di questa scelta sarà l’auditorium, per il quale i lavori di rifacimento delle controsoffittature non sono considerati urgenti e per i quali la giunta ipotizza di recuperare le risorse economiche non in ambito di Accordo di Programma ma utilizzando le risorse dirette del Comune in sede di attuazione delle previsioni di bilancio 2014.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.