Home Politica

Allegro, eletto segretario del PD aresino, indica la sua linea

19 novembre 2018 – Nella giornata di ieri il Partito Democratico ha votato per rinnovare le segreterie di circolo, metropolitana e regionale (leggi qui). Ad Arese a votare si sono presentate 103 persone, 58 delle quali iscritte al Circolo aretino e 45 non in possesso di tessera del partito, con questi ultimi che in base al regolamento delle elezioni interne hanno potuto esprimere la propria preferenza solo per la segreteria regionale. Nessuna sorpresa per quanto riguarda l’elezione del nuovo segretario aresino, con il candidato unico, Gabriele Allegro (nella foto), che è stato indicato da tutti i 58 aventi diritto al voto.

I 58 elettori aresini si sono invece divisi in merito alla segreteria metropolitana, dove comunque Davide Skenderi ha ottenuto la maggioranza dei voti, ovvero 32. 15 voti sono invece andati a Silvia Roggiani e 11 a Ugo Vecchiarelli. A livello di segreteria provinciale i 103 votanti aresini si sono espressi in maniera quasi plebiscitaria a favore di Vinicio Peluffo, che ha raccolto 94 preferenze, lasciando all’altro candidato, Eugenio Comincini, 9 voti di preferenza. Un risultato questo che viene accolto con favore dal neo segretario aresino che afferma che “siamo tutti molto felici di aver dato una mano a Vinicio, nuovo segretario regionale”.

Nella sua relazione congressuale Allegro, dopo avere affrontato temi nazionali, si sofferma anche sul ruolo che da segretario vede per il Pd nella nostra città, e che si basa su quelli che definisce “due pilastri intorno ai quali potremmo, con la partecipazione di tutti, costruire la nostra pratica politica dei prossimi anni”. Il primo è quello di “Apertura” a tutte le esperienze di movimenti e associazioni che condividono un percorso ideale comune con il PD, rendendo il proprio partito un “interlocutore disponibile e privilegiato per coloro che vivono l’impegno civile attraverso organizzazioni non vincolate a forze politiche”.

Il secondo pilastro indicato dal neo segretario aresino è quello del “Territoro” e ha tra i punti qualificanti il modo di relazionarsi con esso. Secondo Allegro il PD dovrà incrementare la propria presenza sul territorio “con un’azione costante di informazione e presidio. Dai banchetti alle conferenze, dalle manifestazioni ai seminari”. Il segretario aresino indica poi i principali temi politici e amministrativi che il suo partito dovrà affrontare nei prossimi mesi. Tra questi ovviamente la seconda parte della riqualificazione dell’area ex-Alfa Romeo, con il PD che, secondo Allegro, dovrà “affrontare questa seconda stagione d’impegno con maggiore protagonismo e consapevolezza: perché da quell’area dipenderanno cambiamenti radicali per il nostro territorio e dalla loro gestione deriverà anche un esito politico cruciale”.

Il nuovo segretario del PD rivendica infine il lavoro svolto dall’amministrazione, ponendo in particolare l’accento sugli interventi di riqualificazione degli edifici scolastici, sul nuovo Centro Civico, sulla Casa di Riposo, sulla rinnovata gestione del verde pubblico, sugli investimenti per il risparmio energetico degli edifici comunali, sui progetti per la riqualificazione dei nostri distretti commerciali e sulla partecipazione, con Allegro che pone l’accento sul nuovo Statuto Comunale e sul Bilancio Partecipativo.

Gabriele Allegro è nato nel 1982 ad Alessandria. Laureato in lettere, lavora nel campo della comunicazione. Ha partecipato fin da subito alla nascita del PD locale e nel 2012 e nel 2013 si è occupato della comunicazione delle campagne elettorali del centro-sinistra, per le candidature di Giuseppe Augurusa e Michela Palestra alla carica di sindaco di Arese.