Home Politica

Anche ad Arese PD a congresso per rinnovo segreterie

12 novembre 2018 – Il Partito Democratico ha avviato la propria fase congressuale, che in questa prima fase vedrà coinvolti i livelli territoriali, che si concluderà con l’elezione delle segreterie di circolo, metropolitana e regionale. La discussione congressuale, con la presentazione dei candidati, si terrà sabato 17 novembre, a partire dalle ore 15.00, presso il circolo del PD di Arese, in via Caduti 7. Le operazioni di voto per le tre segreterie avranno luogo la successiva domenica 18 novembre, sempre presso la sede cittadina del PD, con i seggi che apriranno alle 8.00 per chiudere alle 20.00.

Per quanto riguarda la segreteria cittadina, a raccogliere l’eredità di Luca Nuvoli si presenterà un candidato unico, ovvero Gabriele Allegro. Candidati alla carica di segretario metropolitano sono invece Davide Skenderi, Ugo Vecchiarelli e Silvia Roggiani, mentre per la segreteria regionale sono in lista Vinicio Peluffo ed Eugenio Comincini. Il diritto di voto, per quanto riguarda le segreteria di circolo e metropolitana, è riservato agli iscritti al Partito Democratico, mentre per la segreteria regionale potranno votare tutti i simpatizzanti PD, compresi i non iscritti.

“Questo percorso congressuale – commenta il segretario uscente aresino, Luca Nuvoli – che fra qualche mese porterà all’elezione del segretario nazionale, è fondamentale in un momento così difficile per rigenerare e rilanciare il ruolo politico del PD in questo paese. Per quanto riguarda il PD di Arese, dopo sette anni alla guida del circolo locale, credo sia giunto il momento di dare spazio a nuove persone e avere così una guida che a tempo pieno si occupi della segreteria. Il PD alle recenti elezioni amministrative ha raggiunto un risultato per certi versi inaspettato ma non casuale. Dovrà essere compito nostro preservare e rafforzare un patrimonio di donne e di uomini che da anni caratterizzano e rendono viva una comunità importante per questa città”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese