Home Politica

Ancora tensioni tra Ravelli e Costantino

17 luglio 2012 – In attesa del consiglio comunale straordinario richiesto dal gruppo consiliare del Pd, non accenna a diminuire la tensione che in questi giorni sta contraddistinguendo il dibattito politico, in particolare all’interno del gruppo della lista di maggioranza di Aresefuturo, divisa tra chi appoggia incondizionatamente il sindaco Ravelli e chi, con posizioni più o meno esplicite, ne critica l’operato. Un’ulteriore dimostrazione di questo stato delle cose la si è avuta ieri sera quando Ravelli ha convocato presso il Municipio il gruppo consiliare di Aresefuturo per una riunione di maggioranza che in un primo momento è stata allargata ad alcune persone che non siedono in consiglio comunale. Venuto a conoscenza dell’incontro, l’ex vicesindaco Andrea Costantino si è presentato alle porte del Municipio con Carlo Piva e Orlando Peccenati, chiedendo di partecipare alla riunione in qualità di presidente dell’associazione Aresefuturo. Porte che però sono rimaste chiuse: “Mi è stato detto – commenta Costantino – che la riunione era riservata ai consiglieri comunali di Aresefuturo e aperta alle persone che in campagna elettorale avevano sostenuto Ravelli. Se questa è la ragione, trovo quanto meno curioso il fatto che sia stato negato l’ingresso proprio al presidente dell’associazione che è maggioranza in consiglio comunale e che ha candidato Ravelli alla carica di sindaco”.

La serata ha vissuto anche qualche momento di tensione quando, poco dopo le 21,00, alcuni dei partecipanti all’incontro, esterni al gruppo consiliare, hanno lasciato la sede del Municipio e sono venuti a contatto con il gruppo di Costantino che stazionava di fronte all’ingresso del Comune: “Carlo Piva – racconta Costantino – ha ironizzato sul fatto che queste persone potessero ancora essere convinte delle scelte fatte da Ravelli nelle nomine assessoriali e in risposta ha subito una violenta e scomposta aggressione verbale con tanto di insulti”. La riunione è terminata intorno alle 23,00 con Ravelli che all’uscita non ha rilasciato commenti e non ha nemmeno confermato che lo scopo dell’incontro fosse quello di arrivare a una mozione di fiducia sottoscritta da una larga maggioranza dei consiglieri comunali di Aresefuturo. Anche i consiglieri non hanno rilasciato commenti in merito agli argomenti trattati e all’esito della riunione, anche se più di uno di loro si è lasciato scappare che il confronto è stato molto teso e che, in particolare, notevoli pressioni sono state fatte su Livio Braga, visto che la sua interrogazione del 25 giugno (leggi qui) è stata uno dei fattori all’origine delle discussioni interne al gruppo di maggioranza in consiglio comunale. Intanto oggi pomeriggio alle 19,00 ci sarà la riunione dei capigruppo che, presieduta da Gherardo Gherardi, dovrà stabilire la data del consiglio comunale aperto, fissandone anche i tempi e i metodi.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.