Home Politica

Aresefuturo: ecco il secondo gruppo consiliare

07 agosto 2012 – Dopo un primo tentativo andato a vuoto per un problema formale, questa volta sembra proprio che la spaccatura anche formale del gruppo consiliare di Aresefuturo sia destinata ad andare in porto. Ieri, infatti, è stato protocollato un documento nel quale si ufficializza la nascita del gruppo Aresefuturo per il rispetto del programma, nel quale sono confluiti i consiglieri comunali che supportano il presidente dell’associazione Andrea Costantino nelle sue critiche al sindaco Ravelli e al resto del gruppo consiliare formatosi dopo le ultime elezioni amministrative. Della nuova formazione faranno parte Livio Braga (nella foto) che sarà capogruppo, Giovanni Manelli, vice-capogruppo e Antonio Pavanetto. Nel lungo documento sottoscritto dai tre consiglieri comunali (scarica qui) vengono esposte in maniera analitica tutte le tappe della crisi di maggioranza e vengono evidenziate le ragioni per le quali Braga, Manelli e Pavanetto hanno deciso di abbandonare la maggioranza costituendo un nuovo gruppo consiliare.

L’iniziativa del gruppo che fa riferimento a Costantino molto probabilmente finirà per rimanere come testimonianza del dissenso interno alla maggioranza, con la spiegazione, di parte, delle cause che lo hanno generato. Perché se Pietro Ravelli non tornerà sulla sua decisione di dimettersi dalla carica di sindaco non ci sarà nessun consiglio comunale che terrà a battesimo il nuovo gruppo. Al di la delle decisioni di Ravelli, che comunque aveva ribadito in più di un’occasione che non sarebbe tornato sui suoi passi, viene anche difficile immaginare che un Ravelli bis possa trovare i numeri necessari per governare la città, visto che attualmente la maggioranza può contare su sei consiglieri e ne servirebbero almeno altri due per avere un voto in più in consiglio comunale. Salvo clamorosi ripensamenti di qualche consigliere, quindi, a settembre Arese ripartirà con un nuovo commissario prefettizio.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.