Home Politica

Aresefuturo: noi non copiamo, ecco le prove

30 marzo 2012 – “Mi trovo purtroppo a dover rispondere alla signora Scifo in merito ad alcune affermazioni inesatte, dico purtroppo perché non amiamo e non amo essere trascinato nel fango per replicare. Ma dovendo fronteggiare delle inesattezze mi trovo costretto a farlo anche su richiesta delle persone e della onorabilità nostra”. Andrea Costantino e AreseFuturo, la lista che candiderà a sindaco Pietro Ravelli alle prossime elezioni amministrative, non hanno preso bene l’intervento della portavoce di Un Forum per la città Barbara Scifo che qualche giorno fa aveva, sostanzialmente, accusato l’associazione e lista civica di plagio di alcune parti del programma elettorale (leggi qui). Ecco quindi la ricostruzione di Aresefuturo: “Il giorno 1 marzo – racconta Costantino – è stato pubblicato il numero 3 delle news dell’associazione AreseFuturo di cui sono presidente. A pagina 5 del giornale si legge testualmente, in un articolo a firma di Valentina Boschetti: Noi di AreseFuturo proponiamo che la nuova Biblioteca venga realizzata all’interno del Centro Sportivo nell’ambito di una riqualificazione generale: ricordiamoci che l’associazione che lo ha gestito per tanti anni si chiamava Centro Culturale Sportivo Aresino“.

“Il giornalino in oggetto – continua Costantino – è stato composto nei giorni precedenti e inviato alla tipografia il giorno 27 febbraio alle 9,06, come risulta dalle date della posta elettronica che mettiamo a disposizione. Barbara Scifo, se non si fida, potrà verificare direttamente, visto che si tratta della stessa tipografia che stampa materiale elettorale per il suo candidato sindaco Giuseppe Augurusa. E’ quindi assolutamente impossibile che qualcuno abbia copiato o rubato un’idea che quest’ultimo ha lanciato – a quanto lei riporta – la sera del 27, a titolo personale perché non aveva ancora avuto modo di condividerla neanche con i rappresentanti delle liste che lo sostengono, mentre la nostra proposta è maturata collegialmente ben in precedenza come testimoniano i fatti. Ricordo alla signora che oltretutto gli articoli si chiudono qualche giorno prima. Se dovessimo ragionare con i questi stessi pregiudizi – ma non l’abbiamo fatto e ci guardiamo bene dal farlo – ci sarebbe da chiedersi da chi si sia ispirato in quelle ore il candidato stesso”.

Difficile fermare Costantino, che avanza al Forum una precisa richiesta degli associati di AreseFuturo: “Chiediamo una doverosa rettifica di quanto riportato nella lettera e – visto che si danno lezioni di onestà  intellettuale – chiediamo le doverose scuse verso il nostro movimento e il nostro candidato sindaco”. La chiusura del presidente di AreseFuturo è poi al tempo stesso distensiva ma anche un po’ pungente: “Approfitto per annunciare ai suoi lettori che il nostro movimento non darà  ulteriore seguito alle numerose polemiche di questi giorni, perché intendiamo investire il nostro tempo per parlare di progetti concreti. Non ci interessa avere la primogenitura delle idee, ma che esse diventino realtà e su questo confermiamo la nostra disponibilità a confrontarci. Ringraziamo quindi la candidata Barbara Scifo per questo clamoroso autogol e per i complimenti sul nostro progetto politico nuovo e proiettato al futuro per usare le sue parole”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese