Home Politica

Il Forum porge l’ulivo ad Aresefuturo

05 aprile 2012 – In questa lettera aperta Barbara Scifo, portavoce di Un Forum per la Città, risponde al presidente di Aresefuturo Andrea Costantino in merito alla polemica dei giorni scorsi sulla primogenitura dell’idea di valutare l’inserimento della nuova biblioteca all’interno del Centro Sportivo. E, in pieno spirito pasquale, la Scifo porge a Costantino il ramoscello di ulivo che, oltre alla pace, sancisce anche il pareggio su chi fosse arrivato prima!

Gentile Presidente di Arese Futuro,
siamo dispiaciuti che la nostra lettera, evidentemente critica, ma del tutto franca e onesta (non crediamo offensiva, davvero), abbia contribuito in parte ad esasperare i toni assai corretti, fin qui, della campagna elettorale: anzi, va dato il merito al nostro candidato Giuseppe Augurusa, al dott. Pietro Ravelli e a tutti gli altri candidati sindaco di aver mantenuto finora un atteggiamento rispettoso dell’avversario, nonostante l’impegnativa sfida che ci vede coinvolti.

Tornando al punto della questione, ovvero su chi per primo avesse avuto l’idea di proporre il centro sportivo come nuova sede della biblioteca… ebbene, forse ci siamo sbagliati entrambi. E ora Le spiego brevemente perché. In un consiglio comunale del settembre 2009 l’architetto Enrico Ioli, allora consigliere del PD, in un intervento sul piano triennale delle opere pubbliche, si espresse a favore della possibilità di collocare la nuova biblioteca nel centro sportivo (si veda l’estratto del verbale del consiglio comunale del 29.09.2009, p. 48). In un’altra occasione (consiglio comunale del 28 giugno 2011) il gruppo consiliare del PD, presentò un’interrogazione sempre sul tema della nuova biblioteca, che fu sottoscritta, oltre che dai consiglieri del PD, anche da Carlo Del Monte (attuale candidato nella lista civica Arese Futuro), che in quel periodo era stato escluso dalla conferenza capigruppo, perché fuoriuscito dalla maggioranza. Di conseguenza, considerando che in quel frangente i consiglieri del PD e il vostro candidato Del Monte ragionavano su battaglie comuni dal fronte dell’opposizione, non stupisce il fatto che l’idea ci abbia contagiati entrambi. Che sia rimasta, insomma, un patrimonio di quei mesi difficili in cui abbiamo cercato di contrastare la condotta politica assai discutibile della giunta Fornaro-Perferi (PDL-UDC). In definitiva, se anche dopo il 6 maggio dovessimo trovarci su posizioni diverse (o in giunta o in consiglio comunale…chi può dirlo?), avremo senz’altro almeno un punto programmatico che potremo portare avanti insieme, nel pieno rispetto delle nostre diversità.
Con i miei più cordiali saluti,
Barbara Scifo
Portavoce di Un Forum per la Città

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese