Home Politica

Il Movimento 5 Stelle censisce i lampioni aresini

16 novembre 2017 – Da qualche settimana il Movimento 5 Stelle è presente con un proprio banchetto nei pressi del mercato, dove raccoglie le opinioni degli aresini e si confronta con loro. E uno dei temi più portati all’attenzione sembra essere quello relativo all’illuminazione pubblica: “Sia sui social – spiegano dal M5S – che direttamente ai banchetti, molti cittadini si lamentano del cattivo stato della pubblica illuminazione. Per questa ragione abbiamo percorso in lungo e in largo le strade di Arese durante le ore serali, allo scopo di verificare lo stato dei pali della luce”.

E in tre ore di indagine, i 5 Stelle sostengono di avere trovato ben 109 lampioni non funzionanti, 88 dei quali posizionati su marciapiedi e piste ciclabili e 21 sulla sede stradale. “Per documentare lo stato dell’illuminazione pubblica – spiegano i 5 Stelle – abbiamo creato una mappa con le foto dei lampioni non o mal funzionanti (clicca qui), dove abbiamo evidenziato in blu i lampioni in sede stradale e in rosso quelli posizionati su marciapiedi e piste ciclabili. Durante la perlustrazione abbiamo anche verificato che ad Arese si trovano zone illuminate meglio dello stadio di San Siro durante un derby e zone buie, come via S. Carlo, con pali privi persino del corpo illuminante (vedi foto). Non si tratta di un fatto recente, ma di un lento, inesorabile peggioramento negli ultimi anni. E’ evidente, a nostro parere, che questa amministrazione non ha in mano la situazione o non è in grado di affrontarla”.

Il Movimento 5 Stelle richiama anche gli impegni presi dall’amministrazione in tema di illuminazione pubblica, impegni che a suo parere sarebbero stati disattesi: “E’ evidente – dicono i pentastellati – che le promesse fatte e gli impegni presi erano solo parole al vento. Ricordiamo infatti che nel consiglio comunale del 3 luglio 2014 era stata discussa una Mozione del M5S a oggetto ‘Risparmio energetico sull’illuminazione pubblica’ in cui si chiedeva a sindaco e giunta di impegnarsi ‘a programmare una graduale, ma urgente riconversione dell’illuminazione pubblica con l’utilizzo di lampade a Led’. Mozione che era stata approvata all’unanimità: un punto di ‘consonanza con il M5S’, affermava il consigliere Pd Buroni sul punto specifico. Cosa sarà dunque successo dal 2014 ad oggi? Sono passati tre anni e non è cambiato nulla, che fine ha fatto il piano di Illuminazione Pubblica?. Ricordiamo anche che una buona illuminazione significa anche sicurezza, risparmio economico, risparmio  energetico e minor inquinamento luminoso”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese