Home Politica

Il Pd ha presentato la lista elettorale

19 aprile 2013 – Il Partito Democratico ha presentato la lista con i nomi dei propri candidati al consiglio comunale, che è costituita da otto donne e otto uomini che sono: Enrico Ioli, Eleonora Gonnella, Luca Nuvoli, Paola Pandolfi, Gabriele Allegro, Rosaria Iardino, Edoardo Buroni , Maria Rosaria Iorio, Antonio Finocchiaro, Paola Toniolo, Marco Gusmerotti, Federica Tordato, Umberto Piovesan, Chiara Varri, Stefano Ruta e Gloria Vitaliano. Nomi selezionati per offrire ai cittadini, così spiegano dal Pd, una lista “composta da donne e uomini che raffigurano le diverse sensibilità, professioni e istanze sociali presenti nella città di Arese”. “Le primarie del 10 marzo – commenta il segretario cittadino del Pd Luca Nuvoli (nella foto) –  fortemente volute dal Partito Democratico, hanno avuto successo grazie alla forza e al coraggio di aprirsi in modo trasparente e libero. Questo è l’animo con cui affrontiamo la campagna elettorale e con cui abbiamo composto la lista dei candidati al consiglio comunale”.

Nell’elenco compaiono anche i nomi di quasi tutti i consiglieri comunali dei Democratici delle ultime due amministrazioni: “In questi anni – spiega Nuvoli – i consiglieri comunali del Pd sono stati un punto di riferimento per la città. Hanno dimostrato di conoscerla, di amarla e seguirla nonostante le sconfitte elettorali, lavorando con la grinta e la passione di chi vuole dare quelle certezze che oggi la città non ha. Per questo è stato deciso di riconfermarli”. Tutti i candidati in lista con il Pd hanno accettato di sottoscrivere la Carta di Pisa: “Legalità e competenza – dice Nuvoli – sono il nostro faro. Abbiamo chiesto a tutti i nostri candidati di firmare la carta di Pisa, un codice etico redatto ed elaborato da Avviso Pubblico – Enti locali e regioni per la formazione civile contro le mafie, e di frequentare un corso di formazione, organizzato in collaborazione con il Laboratorio della Ricerca per la Politica, incentrato sullo studio e l’approfondimento della struttura comunale e delle politiche di governo dell’ente locale”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.