Home Politica

La Casa di riposo cambia ancora statuto?

16 luglio 2013 – Uno degli argomenti in discussione nel primo dei due consigli comunali in programma per mercoledì 17 sarà quello della proposta di modifica dello statuto della Casa di riposo Gallazzi-Vismara, statuto che era stato già rivisto di recente dal commissario prefettizio. Anna Pavone, infatti, con la delibera numero 158 del 10/12/2012 aveva prima ridotto da cinque a tre il numero dei componenti del consiglio di amministrazione e poi, con delibera numero 74 dell’11/04/2013, aveva determinato che la Casa di riposo “sulla base di disposizioni legislative” e in funzione del suo carattere strumentale e delle finalità per cui era stata istituita, sarebbe stata sottoposta al controllo del Comune di Arese. In sostanza il commissario Pavone aveva determinato che, contrariamente a quanto accadeva prima della sua delibera, presidente e consiglio di amministrazione della Gallazzi-Vismara avrebbero dovuto essere scelti dal sindaco tra i funzionari del Comune in possesso dei requisiti richiesti.

La nuova proposta di modifica licenziata dalla giunta, se approvata in consiglio comunale, emenderà quanto stabilito dal commissario prefettizio, sulla base di “recenti interpretazioni normative” che non renderebbero applicabile a un’azienda speciale, qual è la Gallazzi-Vismara, la disposizione di legge alla quale aveva fatto riferimento Anna Pavone per stabilire che presidente e componenti del consiglio di amministrazione della Casa di riposo avrebbero dovuto essere scelti all’interno del personale del Comune. La giunta motiva poi la proposta di modifica citando l’articolo 12 del D.Lgs. 39/2013, in base al quale i dirigenti di un’amministrazione pubblica sono in condizione di incompatibilità con l’assunzione della carica di componente dell’organo di indirizzo di un ente che fa parte della medesima amministrazione. Per queste ragioni, quindi, la delibera che la giunta porta in approvazione al consiglio comunale di fatto emenda, in alcuni suoi punti qualificanti, quella recentemente approvata dal commissario. E, contestualmente, delibera lo schema di avviso pubblico per la selezione di tre nuovi componenti del CdA della Gallazzi-Vismara esterni all’amministrazione.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese