Home Politica

La Lega Nord lascia la maggioranza!

21 settembre 2011 – “Con la presente comunicazione, la Lega Nord di Arese, informa che con decorrenza immediata ed irrevocabile, ritira la propria delegazione all’interno della Giunta e della maggioranza Consigliare.” E’ con questa stringata comunicazione che questa sera alle 19,20 il commissario cittadino del Carroccio Vittorio Turconi ha annunciato al sindaco Gianluigi Fornaro dell’uscita della Lega dalla maggioranza di governo cittadino con il contestuale ritiro degli assessori Massimiliano Seregni (servizi sociali) e Andrea Bartolini (sport, ambiente e tempo libero). Una decisione clamorosa ma che è la logica conseguenza dei fatti degli ultimi giorni, o forse degli ultimi mesi, e che tutto sommato Turconi aveva implicitamente anticipato ieri, dopo il consiglio comunale, a QuiArese (leggi qui). Nel comunicato stampa la Lega spiega che la motivazione di questa scelta estrema va ricercata nella bocciatura della mozione che chiedeva la revoca della convenzione tra FACS e Comune per la gestione del Centro Sportivo Davide Ancilotto, una bocciatura arrivata per i voti contrari di PDL e UDC.

“La votazione contraria alla mozione – dice Turconi –  avvalla di fatto l’operato di Fondazione, dando il via libera per il futuro ad altre operazioni simili a quelle sinora effettuate ed emerse nel corso dell’operazione di chiarezza avviata dall’assessore allo sport e indicate dettagliatamente nella mozione, ponendosi in profondo contrasto con i principi politici etici e morali della Lega Nord e dei suoi esponenti all’interno delle istituzioni”. Turconi sottolinea anche il fatto che oggi la maggioranza votata dagli aresini due anni fa non esiste più e che la giunta ha i numeri per governare solo grazie all’appoggio dell’UDC che formalmente è all’opposizione: “La Lega prende atto che la maggioranza uscita vincitrice dalle ultime elezioni non esiste più ma probabilmente questa considerazione non interessa al PdL aresino. L’amministrazione comunale resterà infatti in piedi solo  tramite il voto dell’UDC che rappresenta, come noto, una forza di minoranza esclusa dal ballottaggio. I consiglieri comunali del PdL hanno così deciso volontariamente il futuro amministrativo di Arese e del centro sportivo, assumendosene ogni responsabilità in merito”.

Turconi rivendica anche la coerenza del suo partito, che in questi mesi aveva più volte annunciato esplicitamente alla maggioranza che la Lega non avrebbe avvallato le scelte della giunta nella gestione dello sport ad Arese se non si fosse intervenuti per correggerne una serie di aspetti: “Con queste dimissioni la Lega Nord dimostra la sua assoluta coerenza poiché ha avvisato mesi addietro che se non si fosse fatta chiarezza avrebbe chiesto la risoluzione della convenzione tra il Comune e la Fondazione Arese Cultura e Sport. In nome di questa coerenza e trasparenza siamo stai querelati, e oggi lasciamo due assessorati dimostrando ancora una volta di non essere in alcun modo attaccati alle poltrone”. E proprio la querela ricevuta per alcune valutazioni politiche su Intese rilasciate tempo addietro da Turconi a QuiArese sono state ulteriore motivo di risentimento con la maggioranza della quale la Lega faceva parte fino a poche ore fa: “L’essere querelati dal procuratore di intese, la società che gestisce il centro sportivo per conto di Fondazione, per le nostre idee e considerazioni politiche sul funzionamento del centro sportivo nell’ultimo anno, senza ricevere alcuna solidarietà da parte dei nostri alleati è stato un segno eloquente della scala dei valori dei nostri alleati, che ci lascia davvero l’amaro in bocca. Voltaire affermava che avrebbe dato la vita per permettere a chiunque di esprimere un idea anche se da lui non condivisa. I nostri alleati invece non hanno speso neppure una parola. Questo silenzio è stato davvero assordante e oltremodo significativo”.

E le parole con le quali Turconi chiude il discorso sono molto dure nei confronti degli ex alleati: “Se non possiamo muovere la barca verso la rotta della trasparenza e del rispetto delle regole in quanto l’equipaggio non è interessato a quella destinazione, ne prendiamo atto. Per noi della Lega certi valori non sono in discussione. Per qualsiasi problema passato, presente e futuro inerente il centro sportivo, i cittadini potranno chiedere conto ai signori consiglieri comunali che hanno avvallato e ritenuto normale ciò che per noi normale non è, così come da noi evidenziato nella nostra mozione e che ha portato oggi all’uscita della Lega Nord dalla maggioranza. Quindi scendiamo dal carro  e auguriamo  a tutti loro, davvero tanta, ma proprio tanta, buona fortuna”.

Per leggere le lettere di dimissioni inviate al sindaco dagli assessori Bartolini e Seregni clicca qui.