Home Politica

La nuova viabilità approvata in giunta

09 ottobre 2014 – Lo scorso lunedì 6 ottobre la giunta ha approvato all’unanimità, con delibera n. 173 del 6 ottobre 2014, il progetto definitivo di adeguamento della viabilità principale, vale a dire quella relativa agli assi Nuvolari, Gran Paradiso, Sempione e Resegone. Il nuovo progetto – si legge nel comunicato emesso dal Comune – servirà a garantire più sicurezza e una mobilità sostenibile ai cittadini di Arese. Si tratta di un progetto di grande importanza per la qualità della vita dei cittadini, come si può evincere da alcuni suoi aspetti. Chiari gli obiettivi, che ruotano intorno a quattro concetti chiave: sicurezza, mobilità sostenibile, innovazione, verde pubblico”. Per quanto riguarda il tema sicurezza, l’amministrazione rimarca che “le strade attuali, sono progettate alla stregua di Provinciali a due corsie per senso di marcia, con larghezze eccessive e che consentono velocità di percorrenza del tutto inadeguate, eccessive per un centro abitato. Queste arterie diventeranno vere e proprie strade urbane di quartiere all’interno delle quali gli automobilisti saranno obbligati ad adottare velocità e comportamenti di guida finalmente adeguati al contesto”.

Per quanto riguarda il capitolo della mobilità sostenibile, l’amministrazione evidenzia che “a tutela della mobilità di quartiere e della mobilità dolce, ci saranno corsie riservate alle biciclette, attraversamenti ciclopedonali rialzati e segnalati, maggiori possibilità di sosta, incroci più sicuri perché regolati da rotatorie adeguatamente realizzate per incentivare uno stile di guida responsabile”. Il tema dell’innovazione è, invece, legato alla sostituzione di tutta l’illuminazione pubblica con un nuovo impianto a Led, più efficiente ed economico. Riguardo al verde pubblico, infine, viene ribadito che saranno piantati oltre cento nuovi alberi, oltre al fatto che saranno riqualificati alcuni parcheggi e il parco pubblico di via Col di Lana.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese